Eternit, Stephan Schmidheiny e Louis Cartier sono stati condannati a 16 anni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Eternit, Stephan Schmidheiny e Louis Cartier sono stati condannati a 16 anni

Il magnate svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Louis Cartier sono stati condannati in primo grado a 16 anni di reclusione. I due, coinvolti nell’ambito del processo Eternit, erano stati accusati di disastro ambientale doloso e omissione volontaria delle cautele antinfortunistiche.
Il giudice Casalbore li ha riconosciuti entrambi colpevoli per il disastro negli stabilimenti di Casale Monferrato e Cavagnolo, mentre sono rimasti ingiudicati per i disastri di Rubiera e Bagnoli, perché reati estinti. Oltre alla condanna a 16 anni di reclusione, il giudice ha anche deciso l’interdizione dagli uffici pubblici.

 

Scrivi una replica

News

Calcio, Ibrahimovic è risultato positivo al coronavirus

Zlatan Ibrahimovic, calciatore del Milan, è risultato positivo al coronavirus. Lo ha reso noto la società rossonera, aggiungendo che il giocatore si trova adesso in…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mattarella a Johnson: «Anche noi italiani amiamo la libertà, ma abbiamo a cuore anche la serietà»

«Anche noi italiani amiamo la libertà, ma abbiamo a cuore anche la serietà». Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Sassari, a margine della…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo quasi 32 milioni di persone contagiate

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.896.433 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «In alcuni Paesi membri la situazione è peggiore rispetto al picco di marzo»

In alcuni Paesi membri dell’Unione europea «la situazione Covid è anche peggiore del picco di marzo». Lo ha detto la commissaria europea alla Salute, Stella…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia