Grecia, Rehn: “I violenti non rappresentano il paese. I greci sono determinati a cambiare” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Grecia, Rehn: “I violenti non rappresentano il paese. I greci sono determinati a cambiare”

“Un default sarebbe peggiore di un oneroso salvataggio e avrebbe ripercussioni a catena su tutta l’eurozona”. Così il commissario Ue per l’Economia, Olli Rehn, commentando un possibile fallimento della Grecia. Rehn si è poi soffermato sugli eventi di ieri, sugli scontri in piazza Syntagma “i violenti – sostiene il commissario Ue per l’economia – non rappresentano la grande maggioranza dei greci determinata a cambiare.” E, per Rehn, il voto del parlamento lo dimostra ampiamente, “dimostra la determinazione che prevale in Grecia, un Paese che intende mettere fine ad anni di squilibri economici”.
Il voto del parlamento greco rappresenta un primo passo fondamentale per dare il via alla seconda tranche di aiuti comunitari alla Grecia, che sarà accompagnata da un programma di risanamento “esigente ma allo stesso tempo – ha spiegato Rehn – dovrebbe permettere di correggere i gravi squilibri, diminuendo il debito e facilitando il ritorno alla crescita durevole e alla creazione di posti di lavoro”.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia