Hamza Kashgari rischia la pena di morte. L’appello di Amnesty International | T-Mag | il magazine di Tecnè

Hamza Kashgari rischia la pena di morte. L’appello di Amnesty International

Rischia la pena di morte perché accusato di apostasia a causa di alcuni suoi tweet su Maometto. Hamza Kashgari ha appena 23 anni e a inizio mese si era visto costretto a fuggire dal suo Paese, l’Arabia Saudita, per via delle minacce di morte ricevute. Poi è successo che è stato intercettato in Malesia, arrestato (senza incriminarlo di alcun reato) e detenuto in un luogo segreto. Infine è stato rimpatriato in Arabia Saudita dove ora è rinchiuso a stretta sorveglianza in una struttura del ministero dell’Interno.
Secondo quanto appreso da Amnesty International, “poco dopo l’arresto un magistrato di Gedda, la città natale di Hamza Kashgari, ha chiesto al direttore dell’Ufficio per le indagini penali l’autorizzazione ad aprire un’inchiesta nei confronti dell’uomo, auspicando che venisse estesa anche ad altri utenti di Twitter che lo avevano incoraggiato o si erano congratulati con lui”.
Amnesty International, inoltre, ricorda che il reato penale di apostasia è incompatibile con il diritto alla libertà di pensiero, coscienza
e religione sancito dall’articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti umani e dunque ritiene che il giovane sia un prigioniero di coscienza. Per questo è stato presentato un appello (che si può firmare qui) al re Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud.

Sua Maestà,

sono un simpatizzante di Amnesty International, l’Organizzazione non governativa che dal 1961 agisce in difesa dei diritti umani, ovunque nel mondo vengano violati.

Le scrivo per sollecitarLa a revocare l’ordine d’arresto nei confronti di Hamza Kashgari.

Le chiedo di rilasciarlo immediatamente e senza condizioni, che l’inchiesta venga archiviata e che nell’immediato egli possa essere assistito da un avvocato di sua scelta, anche nel corso degli interrogatori.

La ringrazio per l’attenzione.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia