Analizzare gli elettori su Facebook | T-Mag | il magazine di Tecnè

Analizzare gli elettori su Facebook

di Pietro Raffa


Come ricorda il Guardian, Facebook nel 2008 era utilizzato da 40 milioni di statunitensi. I votanti, aggiungo io, furono 130 milioni.
Cosa accadrà alle Presidenziali del 2012? Che il numero di coloro i quali si recheranno alle urne rimarrà più o meno uguale, mentre gli utenti di Facebook aumenteranno di quattro volte: saranno circa 160 milioni. Una cifra superiore al numero dei votanti stessi.
È ancora lecito dubitare dell’indispensabilità di una strategia social ai fini delle vittorie elettorali?
I membri dello staff di Obama, attentissimi all’argomento, fin dalla prima campagna elettorale non avevano avuto dubbi: sui nuovi strumenti digitali occorreva investire anima e corpo.
Oggi, sempre al passo con i tempi, si sono convinti dell’opportunità di integrare le potenzialità di Facebook con una macchina da guerra (digitale) potentissima:

A unified computer database that gathers and refines information on millions of potential voters.

Il team che lavora per la rielezione del Presidente inviterà i suoi sostenitori ad accedere al re-election website loggandosi via facebook, in modo da tracciare il profilo individuale di ogni utente e aggiungere al database obamiano informazioni utilissime.
È ovvio che ci sarà sempre qualcuno (tipo Jeff Chester) convinto che un’operazione di questo genere sarebbe stata dietro i sogni di uno come J Edgar Hoover e che, dunque, sia di per sé negativa poichè sembra ignorare ogni implicazione etica e morale.
Io potrò anche sbagliarmi, ma credo che la nostra società, visti gli enormi vantaggi derivanti dall’utilizzo della rete, debba accettare di vivere quotidianamente i rischi che questo comporta.
E poi, diciamocelo chiaramente: una raccolta dati di questo tipo non aggiunge niente di nuovo alla schedatura giornaliera delle nostre vite (se ci piace vederla così).
Mi chiedo dunque: perché nessuno in Italia si decide ad adottare una strategia di questo tipo?

Questo articolo è stato pubblicato inizialmente qui.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In Europa c’è una situazione molto grave»

«Quella che si sta verificando in Europa è una situazione molto grave», dove i nuovi casi settimanali di coronavirus «hanno superato quelli segnalati quando la…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Il fumo degli incendi sulla costa occidentale Usa ha raggiunto l’Europa»

Il fumo degli incendi, che stanno devastando parte della costa occidentale statunitense, ha raggiunto l’Europa, dopo aver attraversato il resto degli States e l’Oceano Atlantico.…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, il 17 novembre uscirà una nuova autobiografia di Obama

Il 17 novembre 2020, uscirà A Promised Land, una nuova autobiografia dell’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il libro, il primo di due volumi,…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 29,9 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 29.886.196. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia