Il Partito democratico dopo l’era Berlusconi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Partito democratico dopo l’era Berlusconi

di Stefano Iannaccone

Il Pd avverte le prime difficoltà di fronte al governo Monti. Il segretario Bersani si trova in una condizione complessa: il giuramento di lealtà all’esecutivo dei tecnici deve esser mantenuto per non inficiare l’immagine di partito responsabile, ribadita in ogni passaggio pubblico; tuttavia il principale soggetto di centrosinistra corre il rischio di perdere molto consensi alla sua sinistra. Italia dei valori e Sinistra ecologia e libertà possono in tal senso avvantaggiarsi nell’operazione di opposizione a Monti, che sta comunque varando misure invise al bacino elettorale di matrice progressista, in quanto le riforme che giungono da Palazzo Chigi sembrano più calzanti per un’ideologia di una destra liberale.
Un problema per i dirigenti democrat risiede anche nel capovolgimento dello scenario politico: l’uscita di scena di Berlusconi ha sottratto una “calamita di voti” importanti, ossia l’antiberlusconismo. I democratici, difatti, non possono più essere la forza partitica che alle elezioni si pone come unico argine credibile (in termini numerici) contro il Cavaliere. Se nel Pdl sarà candidato Alfano, il “berlusconista gentile”, sarà difficile generare una dialettica basata sulla dicotomia Bene vs. Male. O meglio: è sempre possibile foraggiare tale approccio, ma l’efficacia sarebbe tutta da testare.
Da Largo del Nazareno, dunque, serve una strategia di comunicazione ben pianificata per non dissipare il margine di vantaggio, testimoniato dai sondaggi, sul Popolo della libertà. Una mossa di cesura è rappresentata dal nuovo registro comunicativo di Bersani, sulla riforma del mercato del lavoro, con il rimprovero al governo disposto a fare tutto da solo in caso di mancato accordo con i sindacati. Un passo che segue il primo intervento, risalente a qualche settimana fa, sulle “prese in giro” dell’esecutivo.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia