Contratti a progetto e partite Iva: la chimera del posto fisso | T-Mag | il magazine di Tecnè

Contratti a progetto e partite Iva: la chimera del posto fisso

Mentre il presidente della Bce Mario Draghi, intervistato dal Wall Street Journal la scorsa settimana, annoverava la riforma del mercato del lavoro tra quelle necessarie ai Paesi dell’Ue per superare la crisi, la sensazione era che facesse particolare riferimento proprio all’Italia.
Lo si poteva intuire leggendo tra le righe il suo intervento: “In alcuni Stati bisogna rendere il mercato del lavoro più flessibile e più giusto di quanto non lo sia oggi. In questi Paesi, c’è un mercato duale: altamente flessibile per la parte più giovane della popolazione, con contratti a tre o sei mesi che possono essere rinnovati per anni. Lo stesso mercato del lavoro è però altamente rigido per la parte protetta dalla popolazione, i cui salari seguono l’anzianità piuttosto che la produttività. I mercati del lavoro al momento sono iniqui perché fanno gravare tutto il peso della flessibilità sui giovani”.
Che il riferimento fosse rivolto, con ogni probabilità, al nostro Paese è facilmente documentabile. L’Ocse, nel suo ultimo rapporto sul tema, ha segnalato che l’Italia presenta un tasso di precarietà superiore rispetto agli altri Paesi europei. E nel Rapporto sulla coesione sociale l’Istat ha censito, per così dire, quasi due milioni di precari tra co.co.pro e partite Iva. E spesso svolgere un doppio lavoro è impossibile poiché chi ha contratti a progetto lavora in esclusiva per un unico committente al quale sono tenuti a comunicare ferie e malattie. Né più né meno come i dipendenti, ma in uno stato di “flessibilità” tale che il rapporto di lavoro può essere risolto con 30 giorni di preavviso e senza motivazione alcuna.
Sono 46 le tipologie contrattuali vigenti. Eppure gli sbocchi lavorativi sono alquanto limitati e perciò il mercato risulta paralizzato. Le partite Iva, riferisce il ministero dell’Economia, nei primi otto mesi del 2011 sono aumentate del 57% e solo in pochi casi sono persone che decidono di mettersi in proprio. I lavoratori a cottimo in Italia sono 450 mila.
L’Ocse ha suggerito all’Italia di “ammorbidire le tutele sui contratti standard” con “una riforma welfare per migliorare la rete di sicurezza per i disoccupati”.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In Europa c’è una situazione molto grave»

«Quella che si sta verificando in Europa è una situazione molto grave», dove i nuovi casi settimanali di coronavirus «hanno superato quelli segnalati quando la…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Il fumo degli incendi sulla costa occidentale Usa ha raggiunto l’Europa»

Il fumo degli incendi, che stanno devastando parte della costa occidentale statunitense, ha raggiunto l’Europa, dopo aver attraversato il resto degli States e l’Oceano Atlantico.…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, il 17 novembre uscirà una nuova autobiografia di Obama

Il 17 novembre 2020, uscirà A Promised Land, una nuova autobiografia dell’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il libro, il primo di due volumi,…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 29,9 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 29.886.196. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia