#senzaTwitter, c’è vita dietro quel cancelletto | T-Mag | il magazine di Tecnè

#senzaTwitter, c’è vita dietro quel cancelletto

di Mario Piccirillo

C’è stato un tempo in cui Twitter non se lo filava nessuna, c’è stato persino un tempo senza Twitter. Cioè: il tempo si spendeva in altra valuta. Molti, un’infinità, vivevano su Facebook, altri si isolavano vivendo e basta. C’è persino qualcuno che leggeva i libri. Quelli di carta, senza batterie, retroilluminazione riposante, fisiologicamente tattili. Quelli vergati a mano da Franzen, per esempio, che contro il mezzo ha dettato al mondo una serie di ragioni più o meno condivisibili, tirate via per lo più dall’approssimazione titolistica in “fa male alla letteratura”. In pochi giorni l’hashtag #senzatwitter ha rastrellato migliaia di pizzini di vita non vissuta, ma tutta in positivo. @simonespetia ha scritto, per esempio, che “#senzatwitter avrei molte meno informazioni di quelle che ho. Sarei un cittadino più povero, con meno strumenti di conoscenza”. Che rappresenta un ragionevole sunto della difesa al processo che s’è scatenato pochi giorni fa, quando Michele Serra (uno che per Severgnini “sarebbe un twitterista nato”) ha pubblicato su Repubblica un’Amaca feroce contro il microblogging, con argomenti tipo questo: “Zero possibilità che dal cozzo dei ‘mi piace’ e ‘non mi piace’ scaturisca una variante dialettica, qualcosa che sposta il discorso in avanti, schiodandolo dal puerile scontro tra slogan eccitati e frasette monche”.
Twitter è andato in autoprotezione immediata. E Serra è stato costretto a tornarci su con un altro editoriale lasciando intendere con questo che, evidentemente, anche le poche battute dell’Amaca non lasciavano abbastanza campo ad un ragionamento ben articolato. Sottolineando, magari involontariamente, che è proprio la risicatezza del mezzo, qualunque esso sia, la questione in oggetto. Luca Sofri gli ha risposto così e tralasciamo ulteriori codazzi, perché la bella discussione è andata sfumando.
Il punto però resta chiuso in 140 caratteri, e in un cancelletto che rompe la grammatica: #senzatwitter. Proprio ora, in questo momento, il multitasking patologico mi impone l’apertura di due browser e un’altra manciata di programmi. Le agenzie sfornano news, e un occhio non puoi non buttarcelo. E poi c’è Twitter, che è un fiume in piena di curiosità, battute, notizie, spunti. Solo che Twitter ha spezzettato ancor di più questo pezzo, imponendomi – le ho contate – 7 pause. Non mi serviva granché sapere che “oggi è il giorno buono per abbuffarsi di zeppole fritte”, e quelli sono secondi di concentrazione che non recupererò più. Ma si tratta sempre di scelte, di priorità, di autogestione. La sera, sul comodino, a me resta un libro. Che provo a leggere, spegnendo il cellulare. Un faticaccia, ma mi piace pensare che un mondo #senzatwitter sarebbe un mondo #conmenooccasioni. E quindi cerco di difendere il mezzo, anche non usandolo.

Mario Piccirillo su Twitter

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Mattarella: «Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza, ma anche determinazione»

«Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d’innovazione e qualità». Così il capo…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Unione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca

La Commissione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca. «Chiediamo ad AstraZeneca la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 159 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 159.031.885. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli anticorpi “durano” fino a otto mesi dal contagio

Gli anticorpi, che neutralizzano il virus Sars-CoV-2, persistono nei pazienti fino ad almeno otto mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia,…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia