Liberalizzazioni, il Parlamento approva il decreto legge. La soddisfazione di Monti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Liberalizzazioni, il Parlamento approva il decreto legge. La soddisfazione di Monti

Il decreto sulle liberalizzazioni è stato approvato a larga maggioranza con 365 sì e 61 no.
Il Presidente del Consiglio – si legge in una nota di Palazzo Chigi – esprime viva soddisfazione per l’approvazione in Parlamento del decreto legge recante disposizioni per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività. C’è, da parte del Presidente e di tutto l’Esecutivo, la consapevolezza di aver raggiunto un traguardo importante nel difficile percorso verso la crescita economica del Paese. “La serietà nel perseguimento delle politiche di liberalizzazione” – come ha ricordato il Presidente Monti nel corso dell’audizione del 15 marzo di fronte le Commissioni riunite VI e X della Camera dei Deputati – “è un elemento centrale di una rinnovata autorevolezza dell’Italia che, nel contesto politico europeo, può e deve essere protagonista delle riforme necessarie anche in quella sede”.
L’approvazione del decreto “Cresci Italia”, avvenuta il 20 gennaio – prosegue il comunicato -, individuava due obiettivi prioritari. Il primo, e più importante, è quello della crescita: ristabilire cioè condizioni favorevoli agli investimenti interni e internazionali, attraverso l’eliminazione dei vincoli burocratici che ostacolano l’avvio e lo sviluppo delle attività d’impresa, l’apertura alla concorrenza nel settore trasporti e il rilancio del fronte infrastrutturale.
Il secondo obiettivo del decreto, anch’esso prioritario, e complementare rispetto al primo, è quello del miglioramento delle condizioni economiche dei cittadini.
Il Governo – si legge ancora – era preparato all’opposizione dei tanti gruppi di interesse, titolari di rendite di posizione non più giustificabili né salvaguardabili. La preoccupazione principale non era quella di contenerne le opposizioni, ma di comporle all’interno di un quadro di soluzioni condivise. Per questo si è scelto di seguire la linea del dialogo, nella piena e costante fiducia verso il Parlamento.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, l’88% dei consumatori italiani preferisce acquisti multicanale

«L’88% dei consumatori italiani ha adottato un approccio multicanale nel 2021, utilizzando quindi online e offline e nell’alimentare, sono passati dal 6% al 21% gli…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Onu: «Sono almeno 6.655 i civili che hanno perso la vita da inizio guerra»

Almeno 6.655 civili sono morti e altri 10.368 sono rimasti feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa: lo ha reso noto l’Onu, come riporta il Kyiv…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Casa Bianca: «Putin cerca di mettere in ginocchio gli ucraini colpendo le infrastrutture»

«E’ assolutamente spregevole quello che Putin sta facendo: sta cercando di mettere gli ucraini in ginocchio colpendo le infrastrutture civili che garantiscano alla gente quello…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Nato resterà a fianco all’Ucraina finché necessario»

«La Nato continuerà a stare a fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Non arretreremo». Lo detto il segretario generale Jens Stoltenberg, intervenendo ad un…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia