Italia “leader” mondiale della pressione fiscale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia “leader” mondiale della pressione fiscale

di Matteo Romani

“Se si elimina dal Pil la quota di sommerso, la pressione fiscale legale, cioè quella gravante sui contribuenti in regola, raggiunge per l’Italia il 55%, portando il paese al numero uno della classifica europea e quindi mondiale”. E’ quanto si legge nella ricerca ‘Le prospettive economiche dell’Italia a breve-medio termine’ realizzata dalla Confcommercio e recentemente presentata a Cernobbio. Un’analisi quella dell’associazione delle imprese che analizza il momento vissuto dall’Italia e dal quale emerge un quadro tutt’altro che rassicurante. “Nel 2012 si raggiungono quindi tre record –prosegue ancora lo studio- quello del più rapido incremento della pressione fiscale apparente nella storia repubblicana, quello di raggiungere il massimo storico assoluto in termini di pressione medesima (45,2%) e, infine, quello di raggiungere il massimo mondiale in termini di pressione fiscale legale (cioè effettiva sui contribuenti in regola). Questa conclusione è molto verosimile, sebbene il calcolo sia approssimativo e riguardi soltanto i paesi evoluti, cioè quelli che posseggono una vera e propria pubblica amministrazione, tra i compiti della quale c’è anche quello di raccogliere le imposte, le tasse e i contributi”.
Dunque per la Confcommercio la situazione è gravissima anche perché il nostro paese ha perso posizioni nella graduatoria internazionale dei consumi reali per abitante e questo a causa della perdita costante di punti percentuali in termini di Pil reale nei confronti degli altri principali partiti europei. In particolare “nei 13 anni che vanno dal 2000 al 2012 abbiamo perso in termini di Pil reale pro capite, il 9% rispetto alla Germania, l’11% rispetto alla Francia, il 22% e il 18% rispettivamente nei confronti della Spagna e del Regno Unito”.
Una situazione da film horror per la Confcommercio, che per questo giustifica le misure rigide prese dal Governo Monti. Ma le giustifica nel breve periodo, quello limitato al biennio 2011-2013, specificando come il successivo governo non perseveri in questi politica che viene definita “letale”. Superato il periodo più delicato occorre che il mondo del lavoro e gli imprenditori, le parti sociali, le forze politiche, orientino il percorso di consolidamento fiscale lungo una direzione virtuosa. Una direzione che darebbe nuova linfa a imprese e imprenditori, già provati da una crisi profonda che sta sfiancando la tenuta del nostro sistema economico.

 

1 Commento per “Italia “leader” mondiale della pressione fiscale”

  1. […] Italia “leader” mondiale della pressione fiscale […]

Scrivi una replica

News

Ue: «A dicembre proposta su fatturazione elettronica»

«Gli Stati membri hanno perso 93 miliardi di euro di mancate entrate Iva nel 2020. In un momento in cui le esigenze di investimento continuano…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svimez: «Mezzogiorno in recessione nel 2023, Pil -0,4%»

«Nel 2023 il Mezzogiorno rischia la recessione con un Pil che potrebbe contrarsi fino a -0,4% contro il +2,9% di quest’anno». E’ quanto emerge dalle…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Putin vuole rendere l’Ucraina un buco nero»

«Dobbiamo aumentare il nostro sostegno all’Ucraina. Putin continua a bombardare l’Ucraina. Continua a cercare di rendere l’Ucraina un buco nero, senza luce, senza elettricità, senza riscaldamento. Per…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «I russi preparano nuovi attacchi»

«Sappiamo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi e che, finché avranno i missili, non si fermeranno. La prossima settimana può essere dura come quella…

28 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia