Costa Concordia, Codacons: La scatola nera ha smesso di funzionare quattro giorni prima del disastro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Costa Concordia, Codacons: La scatola nera ha smesso di funzionare quattro giorni prima del disastro

In un comunicato del Codacons si legge: “Prime inquietanti indiscrezioni emergono dalle operazioni peritali sulla scatola nera della Costa Concordia, alle quali partecipano anche i consulenti nominati dal Codacons.
Contrariamente a quanto apparso oggi sulla stampa, sulla base dei primissimi risultati emersi a seguito dell’ apertura della scatola nera, avvenuta ieri a La Spezia, sembrerebbe che l’ apparecchio sia risultato non funzionante a partire dalle ore 15 circa del 9 gennaio 2012, ossia ben 4 giorni prima del naufragio.
E si scopre che del malfunzionamento delle apparecchiature erano informati tutti me nessuno si preoccupava più di tanto. Si legge infatti in una nota inviata da Costa Crociere alla ditta Fiorucci, responsabile della manutenzione tecnica:
“Buongiorno, per l’ennesima volta il VDR del Concordia è andato nuovamente in fault per il solito problema sul HD. La situazione ora sta diventando veramente insostenibile e non è pensabile continuare a fare service su service spendendo così tanti soldi senza ottenere un risultato”.
A tale comunicazione la Fiorucci risponde:
“…dalla verifica effettuata confermiamo che il problema non è relativo all’HDD della replay station come nelle altre occasioni ma si tratta della capsula (FRM). Ci stiamo organizzando per intervenire su Civitavecchia o al più tardi su Savona”.
A Savona, tuttavia, la nave non è mai arrivata. Tutti questi gravissimi elementi aggravano le responsabilità della Costa Crociere e della Carnival e saranno depositati a Miami dove è in corso l’azione di gruppo avviata dal Codacons, alla quale possono ancora aderire i naufraghi della Concordia.
Se dovesse essere confermata ufficialmente il non funzionamento della scatola nera, i periti nominati dal Gip di Grosseto potranno capire cosa è successo realmente durante il naufragio del Giglio, utilizzando una copia dei dati della scatola nera memorizzati sul sistema di backup, rimasto integro solo grazie al fatto che si trovava sulla parte sinistra della plancia di comando che non è finita sott’acqua dopo il naufragio. Tuttavia tale copia contiene dati fino alle ore 23:36 del 13 gennaio, e le informazioni si fermano al momento in cui era ancora in corso l’ evacuazione della nave.
“Se, dopo i dovuti accertamenti, la scatola nera dovesse risultare realmente fuori uso a partire dal 9 gennaio, andrebbero verificate le responsabilità delle autorità marittime. Ossia – spiega il Presidente Carlo Rienzi – bisognerà capire attraverso un esposto in Procura come abbia potuto la Capitaneria di Porto di Civitavecchia (e degli altri porti presso i quali la nave ha sostato nei tre giorni precedenti il naufragio) consentire la partenza di una nave da crociera sprovvista della strumentazione perfettamente funzionante”.

 

Scrivi una replica

News

Quirinale: fumata nera alla terza votazione

Fumata nera alla terza votazione per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica. Le schede bianche sono state 412. Il capo dello Stato uscente Sergio Mattarella…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, occupazione intensive sale al 18% in Italia

Sale al 18%, in Italia, la percentuale di terapie intensiva occupate da pazienti Covid e, a livello giornaliero, il tasso cresce in 6 regioni: Abruzzo (21%),  alabria(17%), Campania(13%),…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Russia 74mila nuovi contagi

Per il sesto giorno consecutivo la Russia registra un record di contagi da coronavirus: infatti nelle ultime 24 ore 74mila casi.…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, amministrazione Biden ritira l’obbligo vaccinale nelle imprese

L’amministrazione Biden ritira formalmente l’obbligo di vaccino anti covid o di test regolari per le imprese con più di 100 impiegati. L’annuncio è apparso sul…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia