Caso Ruby, ecco le motivazioni della Corte costituzionale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Ruby, ecco le motivazioni della Corte costituzionale

La Corte Costituzionale, nel rendere note le motivazioni con cui bocciò, due mesi fa, il ricorso per conflitto di attribuzione sollevato dal Parlamento sul caso Ruby, ha stabilito che il comportamento della Procura di Milano è stato costituzionalmente obbligato: trattandosi di un reato comune, la Procura non doveva trasmettere gli atti al Tribunale per i ministri.

 

Scrivi una replica

News

Istat:”A novembre produzione nelle costruzioni +1,0% su base mensile e +13,2% su base annua”

“A novembre 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti dell’1,0% rispetto a ottobre. Nella media del trimestre settembre-novembre 2021 la produzione nelle…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: “Pandemia ha dimostrato forza delle democrazie”

“La domanda è: le nostre democrazia sono abbastanza forti e veloci per affrontare l’incredibile sfida del Covid-19? Possono mettere agire? Io non ho dubbio. La pandemia non solo…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria vota per obbligo vaccinale per adulti. Primo Paese in Ue

L’Austria è il primo Paese Ue a votare in Parlamento l’obbligo vaccinale anti-Covid per gli adulti. Con molta probabilità la misura passerà dato che anche…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ministro salute Germania: “A febbraio rischiamo centinaia di migliaia di casi”

In Germania si rischiano centinaia di migliaia di nuovi casi di infezione al giorno entro metà febbraio. A lanciare l’allarme è stato il ministro della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia