Coldiretti su dati Istat, aumentano del 36,3% le esporatzioni alimentari italiane in Cina | T-Mag | il magazine di Tecnè

Coldiretti su dati Istat, aumentano del 36,3% le esporatzioni alimentari italiane in Cina

“Vola l’alimentare Made in Italy in Cina dove aumentano del 36,3 per cento il valore delle esportazioni che contribuiscono a trainare le buone performance fatte registrare dalle esportazioni del settore a livello mondiale (+12,7 per cento)”, è quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui dati relativi al commercio estero nel mese di febbraio divulgati dall’Istat. “Il settore alimentare mette a segno – sottolinea la Coldiretti – un aumento del 9,3 per cento delle esportazioni nei paesi dell’Unione Europea e del 19,1 per cento in quelli extra comunitari anche grazie alla crescita della domanda del gigante asiatico. Il risultato prosegue il trend positivo del Made in Italy sulle tavole in Cina dove l’Italia – precisa la Coldiretti – ha esportato cibo e bevande per un valore di 248 milioni di euro nel 2011 in aumento del 30 per cento rispetto al 2010. A piacere ai cinesi, oltre ai vini per un importo di 67 milioni di euro in crescita record del 63 per cento, ci sono – continua la Coldiretti – l’olio di oliva con 24 milioni di euro in crescita del 4 per cento, i dolci ed i biscotti con 10 milioni di euro (+20 per cento), la pasta con 5,3 milioni con un incremento del 60 per cento e formaggi 2,7 milioni in aumento del 42 per cento. E’ comunque lo spumante italiano a far registrare il maggior aumento della domanda in Cina dove il consumo è piu’ che triplicato (+235 per cento) nel 2011 anche grazie alla presenza di almeno 2,7 milioni di persone con un patrimonio personale netto di oltre 6 milioni di yuan (oltre 600.000 euro) che apprezzano il cibo italiano, secondo il rapporto sul consumo dei beni di lusso da parte dei cinesi, redatto dalla Industrial Bank in collaborazione con l’Istituto di ricerca Hurun. Il balzo della domanda di spumante italiano in Cina, dove sono state spedite 7,6 milioni di bottiglie, soprattutto di Prosecco, nel 2011 traina in realtà – sottolinea la Coldiretti – le esportazioni di tutto il comparto agroalimentare. Tuttavia – sostiene la Coldiretti – la bilancia commerciale nell’agroalimentare risulta ancora fortemente squilibrata con gli arrivi dalla Cina in Italia che in valore sono stati di 589 milioni di euro nel 2011, in aumento del 18 per cento e pari a piu’ del doppio delle esportazioni del Made in Italy nel gigante asiatico. Dalla Cina in Italia – precisa la Coldiretti – arrivano soprattutto concentrato di pomodoro, aglio, semilavorati di frutta e verdura e legumi secchi. Per riequilibrare i rapporti è necessario – conclude la Coldiretti – rimuovere le barriere commerciali ancora presenti in Cina. Nonostante il miglioramento dei rapporti con l’apertura ad alcune produzioni italiane, rimangono ancora importanti le barriere fitosanitarie che limitano l’esportazione di prodotti ortofrutticoli poiché i dossier devono essere discussi prodotto per prodotto e questo provoca una notevole lungaggine nelle trattative”.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia