Il suicidio in Italia al tempo della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il suicidio in Italia al tempo della crisi

di Matteo Romani

La crisi economica che da anni ormai insiste nel penalizzare il nostro sistema economico incide fortemente anche sul tasso di suicidi annuali. Questo, in sintesi, il dato che emerge dal Secondo rapporto Eures Il suicidio in Italia al tempo della crisi.
Secondo lo studio infatti, nel 2010 si sono registrati 352 suicidi tra i disoccupati e 336 fra gli imprenditori, in particolare artigiani e commercianti.
Numeri drammatici, peraltro in netto aumento rispetto al 2009 e agli anni precedenti, che spingono il rapporto a definire “molto alto il rischio suicidario” proprio tra coloro che sono più degli altri esposti alla crisi economica. In totale sono 3.048 le persone che si sono tolte la vita nel 2010, con ben 192 casi tra artigiani e commercianti e 144 tra imprenditori e liberi professionisti. A togliersi la vita soprattutto uomini, il 90% circa. A rischio sarebbero principalmente gli artigiani e gli imprenditori come detto, meno i lavoratori dipendenti. Border line anche gli esodati, mentre pensionati, casalinghe e studenti sono categorie più “sicure”. Tra le motivazioni che spingono sempre più imprenditori a compiere il gesto estremo ci sarebbero la instabilità dei mercati, il ritardo nei pagamenti (soprattutto quelli che dovrebbero provenire dalla pubblica amministrazione) e la difficoltà nell’accesso al credito.
Rispetto al 2009 il numero complessivo dei suicidi ha fatto registrare un aumento del 2,1%, colpendo in maniera particolare la popolazione maschile. Tra gli uomini infatti il rischio di togliersi la vita è quattro volte superiore rispetto alle donne. Nel Nord si è registrato l’aumento maggiore di suicidi, soprattutto in Lombardia, seguita dal Veneto e dall’Emilia Romagna. Zone ad alta densità industriale, quasi a voler ricordare che la crisi colpisce in primis le piccole e medie imprese.

 

Scrivi una replica

News

Abi: “Aumentano a dicembre i prestiti a imprese e famiglie: +2,5% su base annua”

Secondo il report mensile accelerano, a dicembre 2021, i prestiti bancari a imprese e famiglie. Saliti del 2,5% rispetto a un anno fa mentre a…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Italia guarda con immutata fiducia a ruolo centrale del Parlamento europeo»

«L’Italia guarda con immutata fiducia al ruolo centrale, insostituibile, che l’Assemblea di Strasburgo svolge nel processo di integrazione continentale». Così il presidente della Repubblica, Sergio…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pil, Ue: “Ci sono condizioni per un graduale ritiro sostegno. La crescita continuerà nel 2022 e 2023”

“Anche se i fattori negativi di incertezza per l’economia legati ai contagi, alle strozzature nelle catene di approvvigionamento e all’aumento dell’inflazione durano più del previsto,…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: “Congratulazioni a Metsola”

“Vivissime congratulazioni a Roberta Metsola, nuova Presidente del Parlamento europeo La sua guida e la sua determinazione saranno cruciali per rispondere al meglio ai bisogni…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia