Istat, incremento del 4,0% a marzo nelle esportazioni extra-europee | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, incremento del 4,0% a marzo nelle esportazioni extra-europee

In una nota dell’Istat si legge che “a marzo 2012 si rileva un incremento del 4,0% rispetto al mese precedente per le esportazioni, mentre le importazioni registrano una diminuzione dell’1,5%.
L’aumento congiunturale dell’export è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di beni, esclusi i beni di consumo non durevoli (-1,1%), ed è particolarmente sostenuto per l’energia (+39,7%). Dal lato dell’import la flessione interessa i beni di consumo (-9,9%) e i prodotti intermedi (-1,7%), mentre crescono i beni strumentali (+4,1%) e l’energia (+1,4%).
Nell’ultimo trimestre la crescita congiunturale delle esportazioni (+2,4%) interessa soprattutto l’energia (+39,2%) e, in misura molto meno intensa, i beni di consumo durevoli (+1,1%) e i prodotti intermedi (+0,9%). Anche la crescita delle importazioni (+0,8%) è dovuta principalmente all’energia (+10,0%).
Rispetto a marzo 2011, l’aumento delle esportazioni (+12,3%) coinvolge tutti i principali comparti, con un tasso di crescita ampiamente superiore alla media per l’energia (+46,6%). Le importazioni registrano una flessione tendenziale del 10,2% che riguarda tutti i principali raggruppamenti, ad eccezione dell’energia (+8,6%). Gli acquisti di prodotti intermedi (-26,5%) presentano un decremento particolarmente sostenuto.
A marzo 2012 la bilancia commerciale registra un attivo di 495 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto al disavanzo di marzo 2011 (-3.064 milioni). A fronte di un ampliamento del deficit energetico su base annua, da 5.393 a 5.522 milioni di euro, il surplus complessivo è determinato dalla rilevante espansione dell’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici, che passa da 2.329 a 6.016 milioni.
I mercati più dinamici all’export sono: OPEC (+32,1%), Mercosur (+29,6%), Stati Uniti (+23,5%), EDA (+14,4%) e Giappone (+12,4%). Le vendite verso la Cina, invece, sono in marcata flessione (-12,3%).
La riduzione delle importazioni è sostenuta per gli acquisti di beni provenienti da: Cina (-33,3%), Giappone (-31,5%), India (-30,4%), EDA (-28,9%) e Mercosur (-16,7%). Le importazioni risultano in crescita dalla Russia (+13,6%), dagli Stati Uniti (+7,0%) e dai paesi OPEC (+5,5%)”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: nell’ultima settimana ricoveri triplicati tra i bambini

Nell’ultima settimana circa 400 bambini tra i 5 e gli 11 anni sono stati ricoverati a causa del Covid-19. Il dato è triplicato rispetto ai…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Wikileaks: Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Julian Assange, fondatore di Wikileaks, potrà fare ricorso alla Corte Suprema britannica contro la sua estradizione negli Usa. Lo ha deciso l’Alta Corte di Giustizia…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Burkina Faso: i militari hanno arrestato il presidente Kaboré

Il presidente del Burkina Faso, Faso Roch Marc Christian Kaboré, 64 anni, stato arrestato da alcuni militari che hanno fatto irruzione nella sua residenza a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa: “Impatto Covid su educazione e giovani”

“In questo momento, nel quale la pandemia di Covid-19 ha prodotto una crisi dai molteplici aspetti, in particolare un forte impatto sull’educazione e sui giovani, vi invito a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia