Ma il calcio è (anche) un’industria | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma il calcio è (anche) un’industria

di Mirko Spadoni

A volte sarebbe necessario fermarsi un attimo, respirare a pieni polmoni per prendere un po’ aria e cercare di capire come può succedere. Come può accadere che una persona mite come l’ormai ex allenatore della Fiorentina Delio Rossi possa arrivare a tanto. Fino a spingersi ad aggredire fisicamente un suo calciatore, poco più che ventenne, reo a sua volta di averlo deriso e forse anche insultato davanti a tutto lo stadio dopo essere stato sostituito dal mister. Questo accadeva mercoledì sera mentre i viola perdevano con il già retrocesso Novara, mettendo a serio rischio la propria permanenza in serie A. La Fiorentina poi pareggerà, ma ciò non ci interessa.
Perché passiamo a raccontare che scene simili si erano già viste tre giorni prima. Ma questa volta il delirio è collettivo. Una squadra intera, la Lazio, si scaglia contro la quaterna arbitrale dopo un gol segnato dall’Udinese al termine di un’azione viziata da un triplice fischio proveniente dagli spalti. La rete andava annullata e il torto c’era, ma la reazione dei laziali è sembrata eccessiva se si tiene conto che il gol era ininfluente ai fini dei risultato.
Due episodi emblematici di un calcio ormai arrivato oltre ogni limite, ma non siamo qui per colpevolizzare nessuno. Vogliamo trovare un perché e per questo cerchiamo un’analisi più profonda: in tutti e due i casi, c’era in ballo qualcosa. C’è chi, come la Fiorentina, si giocava la permanenza in Serie A e c’è chi, come la Lazio e l’Udinese, si contendevano la partecipazione alla prossima Champions League.
In tutti e due i casi, i soldi in ballo sono molti e per questo le responsabilità di chi gioca o allena aumentano esponenzialmente. Questo si sa, ma a volte dimentichiamo che il calcio è un sistema che produce tanto denaro e, per persone come Delio Rossi e i giocatori della Lazio, non è più uno sport ma un lavoro. Il divertimento c’entra poco e in molti casi la sportività sparisce per far spazio ad altri interessi. Forse è sempre stato così. “Se i tifosi vogliono divertirsi”, grugnì in conferenza stampa Alan Durban, un allenatore inglese dei primi anni’80, “vadano a vedere i pagliacci”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia