Come sono andate le elezioni in Serbia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come sono andate le elezioni in Serbia

di Antonio Caputo

La domenica elettorale in giro per l’Europa (il ballottaggio presidenziale francese, le elezioni politiche greche, le amministrative italiane e le regionali tedesche nello Schleswig – Holstein) ha coinvolto anche la Serbia, chiamata alle urne per le elezioni presidenziali (anticipate), per quelle politiche e anche per le amministrative: una sorta di election day di primaria importanza per un Paese alle prese con il processo d’integrazione in vista dell’ingresso nell’Unione europea, traguardo impensabile solo pochi anni fa, quando, sotto la presidenza dell’”orso” Milosevic, la Serbia era diventata il “buco nero” d’Europa.
Si sfidano (come sempre) tanto per le presidenziali, quanto per le legislative, i due principali partiti: i moderati riformisti (e filo-europeisti) del presidente uscente Boris Tadic (Partito Democratico), alla ricerca del suo terzo mandato consecutivo, ed i nazionalisti di Tomislav Nikolic (Partito del Progresso). I candidati alle presidenziali sono dodici, ma è chiaro che la sfida effettiva sarà (come di consueto) tra loro due, che si affronteranno nel decisivo ballottaggio del 20 maggio.
Partiamo dai risultati delle presidenziali: dopo un testa a testa protrattosi per ore, risulta in vantaggio, a seguito del primo turno, il Presidente uscente Tadic, al 26%, il quale precede di pochissimo lo sfidante Nikolic, al 25%. Quasi il 50% va agli altri dieci candidati, tra i quali emerge d’impeto il Ministro dell’Interno, Ivica Dacic, socialista e fino ad ora alleato di Tadic, con una percentuale attorno al 16.
Non molto dissimile, ma a parti invertite, la situazione per il voto parlamentare: al Partito del Progresso (nazionalisti) il 23% e la maggioranza relativa; segue a ruota il Partito Democratico che ottiene il 22%, e poi gli altri partiti; anche in questo caso, terzo posto per i Socialisti di Dacic, al 16%.
Per formare il Governo, si dovrà arrivare ad una coalizione: in questo il Partito Democratico del Presidente Tadic è favorito, riscontrando maggiori possibilità di trovare Partiti disposti ad allearsi, rispetto a quanto non ne abbiano i nazionalisti di Nikolic, ma nulla si deciderà prima dell’esito delle presidenziali.
Tornando alle presidenziali, in vista del ballottaggio che si terrà tra due settimane, resta favorito Tadic, la cui terza elezione consecutiva vedrà il proseguimento del cammino verso l’approdo europeo.
Nel giorno di un voto che, da Atene a Parigi, sconquassa la Ue, le notizie che arrivano da Belgrado rappresentano un contentino per Bruxelles. Il voto francese e soprattutto quello greco (e se vogliamo anche i risultati delle amministrative italiane) sono un secco no all’attuale impostazione della politica economica comunitaria; a dire il vero, l’eco del voto di Atene sembra mostrare un’opinione pubblica greca contraria non più soltanto alla politica economica europea, ma alla Ue in quanto tale.
La Serbia, che al momento non è membro dell’Unione europea, risultati elettorali alla mano, vorrebbe diventarlo; la Grecia, al contrario, sembra, sempre in base ai risultati elettorali, volerne addirittura uscire. E non solo la Grecia: come si spiegherebbe altrimenti il 18% per Marine Le Pen, o il successo dell’estrema destra olandese?
Un paradosso dunque: chi non vi appartiene, guarda all’integrazione comunitaria come ad un modello; chi ne è dentro, si sente “soffocare” da condizioni forse troppo stringenti; è certo che, dopo questa primavera elettorale, qualcosa dovrà cambiare dalle parti di Bruxelles e dintorni, altrimenti anche i Paesi che (come la Serbia, ma anche la vicina Croazia, dove un referendum qualche mese fa ha sancito la volontà di adesione dei cittadini all’Unione Europea) continuano a credere all’Europa, potrebbero disamorarsene assai presto.

 

Scrivi una replica

News

Calcio, la Uefa ha trasferito la sede della finale di Champions League da Istanbul a Porto

La finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea si giocherà allo Stadio Do Dragão di Porto, in Portogallo. Lo ha reso noto la UEFA,…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Sport: Giovanni Malagò rieletto presidente del CONI

Giovanni Malagò, 62 anni, è stato rieletto presidente del CONI, il Comitato olimpico nazionale italiano. Resterà in carica fino al 2025. Malagò ha ottenuto 55…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 160 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 160.505.176. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Biden: «Israele ha diritto di difendersi»

«Israele ha diritto di difendersi» dagli attacchi esterni. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nel corso di un colloquio telefonico con…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia