In città? Alla stessa velocità del 1700 | T-Mag | il magazine di Tecnè

In città? Alla stessa velocità del 1700

A quanto pare viviamo un paradosso. Nonostante i ritmi frenetici che caratterizzano la nostra società, in verità nei grandi centri urbani (Roma, Napoli e Milano) ci spostiamo ad una velocità di 15 km orari. E a volte, quando il traffico è particolarmente caotico, anche a 7-8 km orari. Nel 1700, per dire, si muovevano alla stessa velocità. Però guai a rinunciare all’automobile: con 41,4 milioni di veicoli, l’Italia detiene il record mondiale ed europeo per densità in rapporto alla propria rete stradale. Dal 1970 l’aumento è stato del 271%, a fronte di una crescita dell’intera rete stradale del Paese del 34%.
Confcommercio ha presentato il Libro Bianco sui trasporti Sciogliere i nodi per competere, una vera e propria fotografia del ritardo infrastrutturale del nostro Paese. E una tale “lentezza”, non solo negli spostamenti, è valsa nel decennio 2001-2010 il mancato raggiungimento dell’incremento del Pil pari a 142 miliardi di euro.
Di fatto quanto abbiamo bruciato? Nel 2010 la somma perduta, secondo lo studio di Confcommercio, equivale a 50 miliardi di euro, corrispondente all’incremento del 3,2% del Pil, che si sarebbe potuto registrare se solo i livelli di accessibilità medi del Mezzogiorno fossero stati equiparati agli standard raggiunti in Lombardia.
I costi chilometrici medi in Italia – si legge nel documento – si dimostrano poco concorrenziali rispetto a quelli di altri Paesi: 1,579 euro contro l’1,518 della Francia, l’1,530 della Germania, l’1,206 della Spagna, l’1,047 della Polonia e lo 0,887 della Romania.
E ancora: le opere incompiute, viene sottolineato nell’indagine, sarebbero 27, tenendo conto soltanto di quelle più importanti (il tunnel Rapallo Fontanabuona in Liguria e la trasversale Fano-Grosseto in Toscana “vantano” un ritardo di 50 anni). Rispetto al Programma per le infrastrutture strategiche, il cui valore stimato è di 367 miliardi di euro, Confcommercio sottolinea che “è stato portato termine solo il 9,3% dei lavori e quasi il 60%è ancora in fase di progettazione”.
“È senza dubbio doveroso – si legge tuttavia nel documento – tenere nella debita considerazione gli effetti che la grave congiuntura economica inevitabilmente stanno esercitando sugli stanziamenti previsti”. Le risorse per le nuove infrastrutture, infatti, hanno subito nel biennio 2009-2011 una riduzione del 34%, toccando il livello più basso da venti anni a questa parte.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 44 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus accertati nel mondo hanno superato oggi quota 44 milioni, secondo l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Nel dettaglio da inizio pandemia…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia