La vittoria di Tomislav Nikolic in Serbia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La vittoria di Tomislav Nikolic in Serbia

di Antonio Caputo

E così, nonostante il risultato del primo turno che aveva visto pressoché appaiati i due candidati, il presidente uscente Boris Tadic (Partito Democratico, formazione moderata e riformista, filo occidentale ed europeista), al 25.3% e lo sfidante Tomislav Nikolic (Partito del Progresso, formazione nazionalista e di destra radicale), attorno al 25%, e nonostante sul presidente uscente Tadic fossero andati a convergere i voti di quasi tutti gli altri candidati del primo turno, a partire dal terzo arrivato, il socialista e Ministro dell’Interno Ivica Dacic, che due settimane fa ottenne il 16%, nonostante i sondaggi della vigilia vedessero nella riconferma al terzo mandato di Tadic il risultato più che probabile, si è imposto a sorpresa lo sfidante nazionalista Nikolic.
Per lui una rivincita dopo le due sconfitte del 2004 e del 2008 proprio contro Tadic.
Il profilo dei due candidati si differenziava anzitutto sulla politica estera, ed europea in particolare: noto il filo-europeismo del presidente uscente, molti dubbi si nutrono sul neoeletto, viste le sue storiche posizioni anti-europee e nazionaliste; anche se di recente proprio Nikolic ha accusato gli avversari di mentire riguardo alle sue intenzioni, quando lo dipingevano come estremista ed anti Ue. Il candidato vincitore ha infatti di recente cambiato le sue tesi, dichiarandosi favorevole al proseguimento del processo di integrazione comunitario, intrapreso proprio dal Presidente uscente Tadic nei suoi due mandati a partire dal 2004.
Il Partito Democratico di Tadic ha incentrato la campagna elettorale tutta come un referendum pro o contro l’Europa, promettendo l’inizio dei negoziati di adesione alla UE entro l’anno, e insistendo sulla necessità di proseguire il suo mandato per portare sviluppo economico.
Il vincitore Nikolic, dal canto suo, ha picchiato duro, sfruttando la diffusa povertà e corruzione esistenti, promettendo, tramite il ritorno degli investimenti stranieri, un nuovo sviluppo, che porti alla creazione di posti di lavoro. Prioritaria per lui la lotta alla corruzione diffusa.
Il primo compito del neo-presidente sarà la nomina del nuovo premier, a seguito delle elezioni parlamentari di due settimane fa.
Il risultato, dunque, è giunto del tutto inaspettato, come dichiarato dall’analista politico Slobodan Antonic, alla televisione di Stato, parlando di “terremoto elettorale” in Serbia.
Ma la crisi economica, che non ha certo risparmiato Belgrado e dintorni, ha influito e molto sull’esito delle urne, con l’elettorato che ha punito l’amministrazione uscente, che ha pagato la perdita di numerosi posti di lavoro; il referendum pro o anti Ue, inoltre, in un momento di crisi delle istituzioni comunitarie, non ha evidentemente avuto un forte appeal sulla cittadinanza. Prosegue così il trend iniziato qualche settimana fa in Francia ed in Grecia, di una critica all’impostazione attuale della Ue, tutta basata sul rigore economico finanziario; un’Europa, così impostata, che non attrae evidentemente i cittadini.

 

Scrivi una replica

News

Speranza: «Dal 16 maggio stop quarantena Paesi Eu e voli Covid tested anche per aeroporti di Venezia e Napoli»

«Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: stato d’emergenza in altre tre prefetture

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base Kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia