“Le istituzioni stiano lontane dalle Pmi” | T-Mag | il magazine di Tecnè

“Le istituzioni stiano lontane dalle Pmi”

Intervista al presidente di Confimprese Roma e Assopreziosi Italia, Alessio Russo
di Matteo Romani

“Fare l’imprenditore in Italia non è mai stato un mestiere facile. Oggi è diventata una sfida temeraria. La bassa crescita dell’Italia è determinata soprattutto dalla difficoltà di fare impresa”. Le osservazioni del neopresidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che si è presentato giovedì nella sua nuova veste all’Assemblea pubblica degli associati, fanno il paio con quelle di Alessio Russo.
Russo è il presidente di Confimprese Roma e presidente di Assopreziosi Italia e a lui T-Mag ha chiesto un parere sul momento vissuto dalla piccola e media imprenditoria ed il quadro che emerge è tutt’altro che rassicurante.

Presidente partiamo dalla stretta attualità. Quanto è difficile il momento attraversato dall’imprenditoria, soprattutto quella media e piccola che costituisce l’ossatura del sistema produttivo nazionale?

Più sarebbe impossibile. Soffriamo come tutto il paese per una classe politica che non ha voluto e non vuole ridurre le spese al fine di poter ridurre le tasse. Una classe politica che non fa altro che parlare di semplificazioni mentre ogni giorno escono nuovi provvedimenti che ci complicano la vita.

Da rappresentate di un’associazione di categoria importante, qual è lo stato delle pmi della capitale?

Tranne quelle che hanno a che fare con il turista o il turismo in genere viviamo alla giornata. La crisi è pesante. Ogni giorno siamo invasi o da nuove tasse, o da nuove normative e manca il tempo per lavorare. La produzione di leggi andrebbe calmierata anche perché la qualità è talmente scadente che risulta comunque inopportuna (vedere l’IMU per comprendere).

Per favorire la ripresa della pmi cosa serve? E soprattutto quale deve essere il compito delle istituzioni?

Compito delle istituzioni dovrebbe essere di stare lontano dalle pmi. Nel campo economico le conseguenze delle azioni pianificate dai governi sono sempre controproducenti. L’espressione di Adam Smith, “c’è un gran potenziale di rovina in ogni governo” si riferisce appunto alle conseguenze dell’interventismo statale in materia economica. Trent’anni fa l’economista americano George J. Stigler di Chicago vinceva il Nobel proprio per i suoi studi sugli effetti della regolamentazione pubblica, provando con approfondite ricerche che nessuna delle misure adottate dal governo americano per controllare, dirigere e regolare l’economia aveva funzionato: nel caso migliore i provvedimenti erano stati inefficaci, in quello peggiore avevano sortito effetti opposti a quelli desiderati. Dovrebbero limitarsi a ridurre le spese, i finanziamenti alle aziende, la maggior parte dei corsi di formazione e con tutto il risparmiato ridurre le tasse a tutti. Tutti avrebbero più soldi per spendere od investire e non si premierebbero i soliti furbetti.

In base alla sua esperienza come giudica l’ondata di suicidi che colpisce sempre più spesso il settore dell’imprenditoria?

Avere a che fare con la disperazione è terribile. Purtroppo l’imprenditore a cui vanno male gli affari non ha speranze ed è frustrato dal vedere che il nemico è lo Stato e questo provoca il tracollo psicologico. La mancanza di equità provoca tutto ciò ed altro che ancora non abbiamo toccato con mano. Ci si deve chiedere: “E’ equo un sistema legale che impone tempi precisi e inderogabili per il pagamento al fisco delle imposte dovute da cittadini e imprese e lascia alla discrezionalità dello stato acquirente i tempi di pagamento ai fornitori? E’ equo un sistema fiscale che mette in serie difficoltà molti contribuenti e ne spinge taluni alla depressione e a gesti inconsulti? E’ equo un sistema della riscossione che mette all’asta per poche centinaia di euro di tasse non pagate la casa di anziani malati e probabilmente non più in grado di comprendere e adempiere alla richieste del fisco?”. La risposta è ovvia.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: in Lombardia, da giovedì coprifuoco dalle 23 alle 5

Coprifuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre, in Lombardia. Lo prevede l’ordinanza emanata oggi firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 9 milioni di download per Immuni

Oltre 9 milioni di download per Immuni, l’applicazione di tracciamento dei contatti per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha reso noto Immuni attraverso un…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, ogni anno l’inquinamento atmosferico costa oltre 1.500 euro procapite

Oltre 1.500 euro. Questo è il costo procapite annuo dell’inquinamento per gli italiani. A stimarlo è uno studio realizzato dall’Epha, l’Alleanza europea per la salute…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mattarella: «Cure e vaccini disponibili per tutta la popolazione mondiale»

«Le cure e i vaccini» contro il coronavirus «siano disponibili per tutti in tutto il mondo». Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia