Le incisioni di Giovan Battista e Giovan Domenico Tiepolo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le incisioni di Giovan Battista e Giovan Domenico Tiepolo

di Stefano Di Rienzo

Attualmente presso la sede dell’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma presso gli ambienti della Calcografia si sta tenendo una mostra dal titolo “Tiepolo Nero opera grafica e matrici incise” (18 aprile 2012-3 giugno 2012).
L’esposizione, curata da Lionello Puppi (storico dell’arte, professore emerito dell’Università Ca’ Foscari) e Nicoletta Ossanna Cavadini (direttore del m.a.x. Museo di Chiasso) e Rita Bernini (Commissario Scientifico per l’edizione romana) è dedicata all’opera grafica di Giovan Battista Tiepolo (Venezia 1696- Madrid 1770) e di suo figlio Giandomenico (Zianigo1727-Venezia1804).
L’esposizione dopo la prima svizzera di grande successo al M.A.X. Museo di Chiasso approda a Roma. Un occasione unica per gli appassionati e gli studiosi del Tiepolo, perché per la prima volta vengono esposte a Roma le matrici in rame dell’artista di proprietà del Museo Correr di Venezia restaurate a cura dell’Istituto Nazionale per la Grafica insieme a tutto il corpus delle opere grafiche del Tiepolo.
L’esposizione presenta alcune novità rispetto a quella di Chiasso, saranno esposti la serie dei “Capricci” dieci acqueforti di Giovanbattista Tiepolo dell’edizione dedicata a Girolamo Manfrin proveniente dal Gabinetto Nazionale delle Stampe. Una sezione della mostra sarà dedicata alle possibili connessioni artistiche tra Giovan Battista Tiepolo e Giovan Battista Piranesi l’architetto e incisore veneziano di cui la Calcografia Nazionale possiede l’intero corpus delle matrici. Infine tra le collezioni dell’Istituto Nazionale per la Grafica saranno esposte “L’Adorazione dei Magi” (1750-1760) di Giambattista accanto alla matrice originale e “S. Giuseppe e il Bambino” (1700).
Sorprendono e divertono le opere di Gianbattista, riunite nella serie dei “Capricci” (1733-1742) e degli “Scherzi di Fantasia” (1743-1757) così come la selezione delle stampe del figlio Giandomenico che ne continua l’attività incisoria per i soggetti che il Tiepolo utilizza: scheletri, maghi, creature oniriche, scimmie e figure esotiche il cui significato rimane ancora in buona parte nascosto per i continui rimandi allegorici e simbolici ma anche per l’ideazione e la qualità del segno che lo proiettano nella storia della grafica moderna.
Una sezione dei volumi settecenteschi della Biblioteca Corsiniana illustrerà la polemica erudita sulla magia tra Scipione Maffei e Girolamo Tartarotti (letterato italiano) dalla quale potrebbero aver preso spunto le enigmatiche acqueforti di Giambattista dei “Capricci” e degli “Scherzi”.
Fulcro del Tiepolo nero sono le 12 matrici incise in rame il cui restauro è stato effettuato proprio dall’Istituto Nazionale per la Grafica, sede istituzionale che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha dedicato alla tutela, alla salvaguardia e ala valorizzazione del patrimonio grafico nazionale. La dirigente dell’Istituto Nazionale per la Grafica la dott. Maria Antonella Fusco spiega che “ l’Istituto unico nel panorama nazionale per la sua raccolta di 23.000 matrici incise dal XVI al XX sec., 150.000 stampe, 30.000 disegni documenta tutte le fasi del processo creativo dell’opera incisa, dal disegno preparatorio alla matrice alla stampa, ed è grazie a questa unicità che ci avviamo alla costituzione del Museo Didattico dell’Istituto proprio negli spazi della Calcografia appena restaurati. Il museo si avvarrà di strumenti e postazioni multimediali per la fruizione di un patrimonio che nel 2020 ha in calendario la celebrazione di Piranesi, a trecento anni dalla sua nascita”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 44 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus accertati nel mondo hanno superato oggi quota 44 milioni, secondo l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Nel dettaglio da inizio pandemia…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia