Lavoro, Napolitano: “Sempre più critica la condizione giovanile” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, Napolitano: “Sempre più critica la condizione giovanile”

“L’idea di questo incontro mi è stata suggerita dal moltiplicarsi dei dati e delle riflessioni su una condizione giovanile fattasi sempre più critica nel nostro Paese con il dispiegarsi degli effetti e delle successive tappe della crisi globale insorta nel 2008 negli Stati Uniti e propagatasi al resto del mondo come crisi finanziaria, successivamente concentratasi e caratterizzatasi nei paesi dell’euro, nell’Eurozona, come crisi del debito sovrano, ed, infine, divenuta crisi economica e sociale complessiva anche in conseguenza delle politiche di bilancio restrittive, delle scelte di risanamento e consolidamento fiscale adottate per far fronte alla pressione dei mercati finanziari sui titoli del nostro debito pubblico”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo al Quirinale all’incontro promosso in occasione della presentazione dell’Osservatorio Lavoro dell’Arel.

“Sui termini in cui si può parlare di condizione giovanile – perché anche questa, naturalmente, è una espressione problematica -, sugli aspetti che essa presenta, sui termini che si incrociano e sui modi per affrontarla, – ha aggiunto il Presidente Napolitano – in questi ultimi tempi molto è stato detto anche da giovani che sono intervenuti individualmente sulla rete o si sono espressi attraverso loro organismi rappresentativi. Perciò mi è sembrato utile un momento di riflessione, anche in questa sede, naturalmente senza incorrere in equivoci perché, come voi sapete, nel nostro ordinamento il Presidente della Repubblica non ha poteri esecutivi, non ha la responsabilità di compiere scelte di governo; le politiche pubbliche e, innanzitutto o in particolare, le loro espressioni legislative sono competenza esclusiva del Parlamento e delle Regioni e, per quel che riguarda le vere e proprie scelte di governo, esse sono state piuttosto oggetto di un recentissimo intervento del Presidente del Consiglio, professor Monti, qualche giorno fa in un incontro organizzato dal Forum Giovanile.

“Però – ha rilevato il Capo dello Stato – l’ascolto, la riflessione, l’attenzione fanno parte delle responsabilità del Presidente della Repubblica in quanto rappresentante – come dice l’articolo 87 della Costituzione – dell’unità nazionale e quindi impegnato a raccogliere istanze comuni corrispondenti all’interesse generale del Paese e alle diverse sensibilità sociali presenti nella nostra comunità. Ho pensato che questo momento di riflessione potesse essere affidato a molti di voi e ho chiesto la collaborazione dell’Arel, un’Agenzia di storica rilevanza”.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Gentiloni: «La crisi non è alle nostre spalle»

«La crisi non è alle nostre spalle». Lo ha detto il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, intervenendo in occasione del Foro di dialogo Italia-Spagna. «La velocità…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, De Luca: «Da venerdì in Campania coprifuoco alle 23»

«Ci prepariamo a chiedere in giornata il coprifuoco. Il blocco di tutte attività e della mobilità da questo fine settimana in poi». Lo ha reso…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2020, nuove regole per l’ultimo dibattito Trump-Biden

Nel corso del dibattito televisivo tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump e Joe Biden, in programma giovedì – l’ultimo prima…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Le prime dosi di vaccino potrebbero essere disponibili a inizio dicembre»

Le prime dosi del vaccino contro il coronavirus potrebbero essere «disponibili all’inizio di dicembre» 2020. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia