Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo”

“Ad aprile, rispetto al mese precedente, si rileva un incremento per entrambi i flussi commerciali, più intenso per le importazioni (+2,5%) che per le esportazioni (+0,2%)”. Questo è quanto rende noto l’Istat in un comunicato diffuso oggi, venerdì 15 giugno.
“La crescita congiunturale dell’export – si legge nella nota – è dovuta all’incremento delle vendite verso i paesi UE (+1,0%). Rilevante è l’aumento per i beni strumentali (+5,5%).
L’incremento congiunturale delle importazioni è sostenuto con intensità simili dalle principali aree di interscambio, con aumenti più rilevanti per beni di consumo durevoli (+5,1%) e i prodotti intermedi (+4,6%). Un effetto di contenimento delle importazioni deriva invece dalla riduzione degli acquisti di prodotti energetici (-2,4%).
Ad aprile la flessione tendenziale del valore delle esportazioni (-1,7%) è determinata da una contrazione dei volumi (-4,9%) parzialmente compensata da un incremento dei valori medi unitari (+3,4%).
Anche la marcata riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-9,3%) è determinata da una ampia flessione dei volumi (-12,8%), mentre i valori medi unitari registrano un incremento del 4,0%.
Ad aprile il saldo commerciale è prossimo all’equilibrio (-202 milioni di euro) e in forte ridimensionamento rispetto al deficit dello stesso mese dell’anno precedente (-2,8 miliardi). Dall’inizio dell’anno il deficit commerciale ha raggiunto il valore di -3,6 miliardi: al netto dell’energia, l’attivo è pari a 19,4 miliardi.
I mercati più dinamici all’export sono Giappone (+34,1%), paesi Opec (+22,1%) e Svizzera (+12,4%).
I settori che presentano i più sostenuti incrementi delle vendite sui mercati esteri sono gli articoli farmaceutici (+14,0%) e gli autoveicoli (+13,9%).
La crescita delle importazioni dai paesi Opec è molto sostenuta (+58,5%), mentre sono in forte flessione gli acquisti dai paesi EDA (-37,6%), Regno Unito (-30,4%) e Giappone (-29,3%).
I settori per cui si rileva una forte crescita delle importazioni sono i prodotti petroliferi raffinati (+35,8%) e il gas naturale (+22,2%).
La flessione delle vendite di mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) in Francia spiega da sola un quinto della riduzione tendenziale dell’export (-1,7%)”.

 

1 Commento per “Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo””

  1. […] estero: export aprile -1,7%ANSA.itAdnkronos/IGN -AgenParl – Agenzia Parlamentare -T-magtutte le notizie (20) » Nessun […]

Leave a Reply to Commercio estero: verso azzeramento deficit ad aprile (-202 mln) – AGI – Agenzia Giornalistica Italia | Sindacato UNSIAU

News

Petrolio: Wti a 71,47 dollari al barile e Brent a 67,92 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 71,47 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 67,92 dollari.…

6 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 128 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 128 punti.…

6 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia