Istat: a maggio, incremento del 1,4% nell’export e dello 0,9% nell’import | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: a maggio, incremento del 1,4% nell’export e dello 0,9% nell’import

“A maggio, rispetto al mese precedente, si rileva un incremento sia per le esportazioni (+1,4%) sia per le importazioni (+0,9%).
La crescita congiunturale dell’export è dovuta a un sostenuto incremento delle vendite verso i paesi extra Ue (+5,5%), mentre quelle sul mercato Ue calano del 2,0%. L’aumento delle vendite di prodotti energetici (+27,4%) è particolarmente rilevante.
L’incremento congiunturale delle importazioni si manifesta per entrambe le aree di interscambio (+1,2% per i paesi extra Ue, +0,7% per i paesi Ue), con aumenti più rilevanti per beni strumentali (+6,9%) e prodotti energetici (+1,3%).
A maggio l’aumento tendenziale del valore delle esportazioni (+4,8%) è spiegato dall’incremento dei valori medi unitari (+4,9%), mentre i volumi risultano sostanzialmente stazionari (-0,1%).
La riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-4,5%) è determinata dalla significativa flessione dei volumi (-8,3%), mentre i valori medi unitari registrano un incremento del 4,1%.
A maggio il saldo commerciale è positivo e pari a 1 miliardo di euro, con avanzi sia per i paesi Ue (+691 milioni) sia per quelli extra Ue (+316 milioni).
Il deficit registrato nei primi cinque mesi è di 2,6 miliardi, in forte ridimensionamento rispetto all’anno precedente (-18,2 miliardi). L’avanzo negli scambi di prodotti non energetici è pari a +25,5 miliardi, tre volte più ampio di quello del 2011 (+7,4 miliardi).
Rispetto a maggio 2011, i mercati più dinamici all’export sono Stati Uniti (+40,3%), paesi Opec (+37,1%) e Giappone (+21,2%).
I settori con i più sostenuti incrementi delle esportazioni sono i prodotti petroliferi raffinati (+21,6%) e i mezzi di trasporto (esclusi autoveicoli) (+15,3%).
La crescita delle importazioni dai paesi Opec è molto sostenuta (+50,7%), mentre sono in forte flessione gli acquisti dalla Turchia (-22,9%), dal Belgio (-22,7%) e dall’India (-17,4%)
I settori per cui si rileva una rilevante crescita delle importazioni sono i mezzi di trasporto (esclusi autoveicoli) (+64,1%) e il petrolio greggio (+14,4%).
L’incremento delle vendite di prodotti petroliferi raffinati in OPEC, Turchia e Stati Uniti spiega quasi un terzo dell’aumento tendenziale dell’export, mentre un altro quarto viene dalle vendite di mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) negli USA”, si apprende da una nota di Istat.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «A giugno via libera a tutte le età e hub in aziende»

«Giugno deve essere il mese della svolta per dare la spallata definitiva e lasciarci indietro il periodo peggiore». Così il commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Francesco…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Fondazione Gimbe: «All’appello mancano 50 milioni di dosi di vaccino»

L’Italia deve ricevere ancora circa 50 milioni di dosi, pari a circa due terzi di quelle previste dal Piano vaccinale per il primo trimestre. Così…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela, Maduro: «Pronto a incontrare Guaidó»

Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, ha dichiarato di essere «pronto» a dialogare con il leader dell’opposizione Juan Guaidó, con la mediazione dell’Unione europea, della Norvegia…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente: nella notte 130 razzi lanciati da Gaza, Israele replica colpendo oltre 600 obiettivi di Hamas

Nella notte sono stati 130 i razzi lanciati verso Israele. Di questi molti sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome, ha riferito il…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia