Sudan, la crisi umanitaria nel paese sta peggiorando | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sudan, la crisi umanitaria nel paese sta peggiorando

La condizione dei rifugiati in fuga dal Sudan sta peggiorando. Lo rivela un comunicato di Save the Children, organizzazione benefica che tra le molte attività ospita anche nei propri campi i moltissimi rifugiati che lasciano il Sudan per approdare in Sud Sudan. La notizia si aggiunge alla dichiarazione di qualche giorno fa dell’agenzia sanitaria Medici Senza Frontiere, in cui si spiegava che i rifugiati si stavano ammalando a causa delle terribili condizioni sanitarie dei campi.
Le piogge torrenziali hanno reso le condizioni di vita nei campi molto difficili, mentre i continui scontri di frontiera determinano l’arrivo di oltre 2000 bambini ai campi ogni giorno. Le violenze sono iniziate, senza cessare mai, da quando il Sud Sudan è diventato ufficialmente indipendente nel 2011. “Il peggior scenario possibile è purtroppo diventato una realtà, stiamo assistendo ad una crisi umanitaria in uno dei posti più remoti del pianeta” spiega Jon Cunliffe, direttore di Save the Children in Sudan.

 

2 Commenti per “Sudan, la crisi umanitaria nel paese sta peggiorando”

  1. Antolini Emanuela

    Io penso che e’ per il motivo che la Libia deve creare del lavoro dalla Libia Egitto per il Sudan ed e’ un vero problema che e’ fatto dall’Egitto e no viene conceduto alcun lavoro per l’Africa o per i negri Arabi d’Africa. L’Egitto si e’ dichiarato in forte Crisi, questa Crisi finisce solo grazie alla Libia. L’ Egitto contro alla Libia ne inventa di tutti i colori,quello del Madagascar e’ il loro preferito a differenza dalla Libia Africana, pur di no avere negri d’ Africa in Egitto. l’integrazione del lavoro ha inizio dalla Libia e no dal Sudan se volete dare spazio al popolo di cui neccessita del lavoro per vivere e dare da vivere agli altri. Dare lavoro in Sudan e’ come dare le armi in pugno al popolo contro il potere del’Esercito Sudanese del Nord e del Sud,oggi.

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso di Omicron anche in Giappone

La variante Omicron è arrivata anche un Giappone, dove un uomo di 30 anni è risultato positivo al Covid-19 dopo esser rientrato dalla Namibia.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, G7: “Omicron altamente trasmissibile e richiede un’azione urgente”

“La variante Omicron è ‘altamente trasmissibile’ e richiede un’azione urgente”. E’ quanto hanno affermato i ministri della Salute del G7. Ad oggi sono 33 i casi…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel III trimestre Pil aumenta del 2,6%”

“Nel terzo trimestre del 2021 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia