Crisi economica, Squinzi: “Situazione complicata, abbiamo bisogno di coesione” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Squinzi: “Situazione complicata, abbiamo bisogno di coesione”

“La situazione è complicata e abbiamo bisogno di molta coesione, siamo su una barca nella tempesta e dobbiamo remare tutti nella stessa direzione”. Così il presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi.
“L’Italia – ha poi sentenziato Squinzi – non è come la Spagna, credo che l’Italia sia molto più forte della Spagna. Come Paese siamo molto più competitivi e molto più forti. Stiamo fronteggiando un momento difficile, con un impatto diretto sull’economia reale e probabilmente sull’occupazione, ma non prevedo aiuti per l’Italia come ci sono stati per la Spagna, perché anche se la situazione è molto complessa abbiamo delle fondamenta più robuste”.
“L’aumento dello spread, in mancanza di misure incisive da parte dell’Europa, può avere una sua logica. La mia preoccupazione più grande è che continui l’attacco della speculazione internazionale contro l’Europa ed evidentemente contro l’Italia. Quello che ripeto da un po’ di tempo è che dobbiamo guardare con più decisione verso gli Stati Uniti d’Europa”.
Quello di Squinzi, infine, è un vero e proprio appello alla politica: “coesione e compattezza” è infatti la richiesta del leader degli industriali.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia