Taranto, il comune chiude gli impianti di Ilva. Gli operai bloccano la città | T-Mag | il magazine di Tecnè

Taranto, il comune chiude gli impianti di Ilva. Gli operai bloccano la città

A seguito del sequestro dal parte del comune di Taranto dell’impianto siderurgico di Ilva per ragioni di salvaguardia dell’ambiente, gli operai hanno deciso di occupare il sito e di portare avanti a oltranza lo sciopero, bloccando anche le vie di accesso alla città.
“Lo sciopero proseguirà finché non otterremo quella che per noi è l’unica soluzione possibile, ossia un blocco cautelativo con gli impianti che rimangono in marcia e la certezza che nulla cambi nella situazione dei lavoratori e delle loro famiglie”, è quanto affermato da Roberto Basile, esponente della Uilm Taranto, a Reuters.
L’Ilva è uno degli impianti siderurgici più grandi d’Europa e solo nel 2011 ha prodotto circa 8,5 milioni di tonnellate, il 30% circa della produzione totale italiana, secondo i magistrati ai danni della salute degli abitanti e degli operai.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso di Omicron anche in Giappone

La variante Omicron è arrivata anche un Giappone, dove un uomo di 30 anni è risultato positivo al Covid-19 dopo esser rientrato dalla Namibia.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, G7: “Omicron altamente trasmissibile e richiede un’azione urgente”

“La variante Omicron è ‘altamente trasmissibile’ e richiede un’azione urgente”. E’ quanto hanno affermato i ministri della Salute del G7. Ad oggi sono 33 i casi…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel III trimestre Pil aumenta del 2,6%”

“Nel terzo trimestre del 2021 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia