La crisi occupazionale colpisce soprattutto i giovani | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi occupazionale colpisce soprattutto i giovani

Quando si parla di crisi occupazionale il riferimento è rivolto particolarmente a quella giovanile, laddove coloro che hanno tra i 15 e i 34 anni hanno visto diminuire vertiginosamente possibilità di lavoro stabile nel secondo trimestre del 2012. Nello stesso arco temporale quasi un milione e mezzo (-1.457.000) risultano senza un lavoro, passando da 7 milioni 333 mila a 5 milioni 876 mila con un decremento del 19,9% rispetto al medesimo periodo del 2007. Da contemplare (in negativo) una riduzione nell’ultimo anno di 230 mila occupati.
Nel 2011, tra aprile e giugno, gli occupati 15-34enni erano oltre sei milioni (6.106.000).
Al contrario gli occupati nella classe d’età tra i 55 e i 64 anni sono aumentati del 26% nell’arco di cinque anni, dal secondo trimestre del 2007 al 2012. Il numeri degli occupati più adulti, dunque, è cresciuto di 626 mila unità, passando da 2 milioni 403 mila del 2007 a 3 milioni 29 mila del 2012.
Intanto l’Istat, nella giornata di lunedì, comunica che a giugno 2012 l’occupazione nelle grandi imprese al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) segna (in termini destagionalizzati) una diminuzione dello 0,2% rispetto a maggio. Al netto dei dipendenti in Cig si registra una riduzione dello 0,6%.
“Al netto degli effetti di calendario – si legge nel report dell’Istituto nazionale di statistica –, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) registra una diminuzione, rispetto a giugno 2011, dello 0,5%. L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è pari a 38,0 ore ogni mille ore lavorate, con un aumento rispetto a giugno 2011 di 8,9 ore ogni mille. A giugno la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra un aumento dell’1,0% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo aumenta dell’1,1%. Rispetto a giugno 2011 la retribuzione lorda per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) cresce dell’1,9%; la medesima variazione si registra anche per il costo del lavoro. Considerando la sola componente continuativa la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dell’1,9%. Nel periodo gennaio-giugno 2012 la retribuzione lorda per dipendente aumenta, nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente, dello 0,4%, mentre il costo del lavoro cresce dello 0,6%”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gelmini: «Da lunedì più di 11 regioni in zona gialla»

«Le regioni che dovrebbero passare in giallo da lunedì dovrebbero essere più di 11». A riferirlo è la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini,…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Es’givien x la Terra e il Made in Italy: il nuovo progetto by #ilfashionbelloebuono

Sostenibilità della moda o moda della sostenibilità? Dopo un anno di pandemia e anni di delocalizzazione di troppe produzioni etichettate Made in Italy, Es’givien lancia…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, l’Uefa ai club ritirati: “Passo indietro da ammirare, bentornate”

L’Uefa e in particolare Aleksander Ceferin, hanno accolto con grande soddisfazione il ritiro di sette club dalla Superlega: “Gli errori si possono commettere, importante è…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritira anche l’Inter

Dopo la notizia del ritiro dei sei club inglesi, anche l’Inter ha annunciato il proprio ritiro dalla Superlega. “A queste condizioni non ci interessa”, fanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia