Mostra del cinema di Venezia. Diario del quarto giorno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mostra del cinema di Venezia. Diario del quarto giorno

di Fabio Francesca

Sul Lido sono arrivate le temperature autunnali, e con loro e l’odore dell’asfalto bagnato arrivano anche le pellicole più attese.
In serata si è avuto un ottimo antipasto a base di pietanze francesi con Cherchez Hortense, fuori concorso, dello sceneggiatore Pascal Bonitzer passato per la settima volta dietro la macchina da presa. Una classica pellicola transalpina retta da una sceneggiatura impeccabile in cui tutte le storie si incrociano al punto giusto, dove ogni svolta passa senza creare traumi nello spettatore e dove una recitazione elegante (Isabelle Carré e Kristin Scott Thomas) trova il suo apice nell’interpretazione del sempre superbo Jean-Pierre Bacri. Racconto dove il pubblico si intreccia con il privato, e i drammi dei sans papiers si sovrappongono ai classici dilemmi delle famiglie alto borghesi francesi. Un ottimo esempio di cinema di parole.
Sempre dalla Francia arriva il film presentato nelle Giornate degli Autori, ma con la peculiarità delle origini della regista: l’Islanda. Queen of Montreuil di Solveig Anspach è una bizzarra commedia ambientata a Parigi. Protagonista una giovane vedova francese che vedrà la sua vita stravolta da una coppia di imprevedibili coinquilini islandesi e la tenera presenza di un singolare animale domestico: una foca. Gli incredibili islandesi daranno una lezione ad Agathe su come uscire da una crisi esistenziale ed al mondo come uscire da una crisi economica. Il tutto incorniciato dall’umanità del singolare quartiere di Montreuil. Commedia dolce sul significato della convivenza in zona Amélie Poulain.
Il festival travalica le Alpi per presentare il primo film italiano in concorso È stato il figlio di Daniele Ciprì. Non solo il primo film Italiano a Venezia 69 ma anche il primo film girato dal regista senza lo storico sodale Franco Maresco. Tratto dal romanzo omonimo di Roberto Alajmo narra la grottesca vicenda di una famiglia di umili condizioni che si trova ad affrontare l’omicidio della figlia minore ma sopratutto a dover gestire il risarcimento dato dallo stato per le vittime della mafia. La pellicola come tutte quelle del regista palermitano è ricca di figure grottesche, maschere deformi della società moderna, tra queste spicca Nicola Ciraulo, interpretata da Toni Servillo, rivisitazione tra il drammatico e l’ironico della figura del padre padrone. Sempre per parlare d’Italia è stato presentato il documentario La guerra dei Vulcani di Francesco Patierno. Film che descrive le famose vicende legate alla pellicola Stromboli di Roberto Rossellini e alla relazione tra il grande regista e Ingrid Bergman. Il documentario, come il precedente proiettato al festival Monicelli. La versione di Mario, oltre che a presentare un importante vicende della storia del cinema offre uno spaccato sulla storia della società italiana.
Per concludere parlando di maestri oggi è stata la giornata di Paul Thomas Anderson. Dopo cinque anni da Il petroliere torna a dirigere e a scrivere con The Master, riprendendo la sua personale escursione nella storia degli USA. Questa volta siamo nel dopoguerra dove un intellettuale( Phillip Seymour Hoffman) decide di fondare una nuova religione. In molti nel protagonista hanno visto L. Ron Hubbard, il fondatore di Scientology, ma forse quello che si cela sotto le spoglie di Hoffman non è altro che il buon vecchio zio Sam.
Domani arriva al lido il vero The Master: Terrence Malick. Ma di questo e altro se ne parlerà nella quinta puntata del diario veneziano.

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia