Crisi economica, Alfano: “Mai proposto vendita immobili per 400 miliardi” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Alfano: “Mai proposto vendita immobili per 400 miliardi”

In una lettera pubblicata dal Corriere della Sera Angelino Alfano ha scritto: “Io e il mio partito non abbiamo mai proposto di vendere immobili per 400 miliardi (operazione effettivamente ardita, allo stato attuale). Semmai abbiamo proposto un attacco complessivo al debito pubblico da 400 miliardi, di cui la vendita di immobili per 15-20 miliardi l’anno (cominciando da caserme e case popolari) sarebbe solo una parte, assieme a molte altre voci.
Lo strumento essenziale sarebbe quello della costituzione di un grande fondo a cui conferire una serie di asset, sul modello proposto, sia pure con sfumature e modulazioni diverse, dai professori Savona, Rinaldi, Masera, Forte, alle cui ben note impostazioni ci siamo esplicitamente richiamati.
L’essenziale è che non vi sia nessuna svendita, per evitare di ripetere l’errore delle false privatizzazioni del 1993 e che, al tempo stesso, l’operazione sia consistente e quindi sia in grado di determinare una riduzione strutturale del debito pubblico per almeno 400 miliardi di euro così da portare sotto il 100% il rapporto rispetto al pil in cinque anni.
Quindi oltre a proseguire sul cammino delle riforme strutturali e a incalzare il governo nella direzione del taglio della spesa pubblica improduttiva, riteniamo che sia anche necessario uno choc positivo, che consenta una ‘ripartenza’ della nostra economia.
Speriamo sia chiara la differenza tra le due impostazioni politiche in campo, al di là delle sterili dispute sul passato: una sinistra orientata allo schema tradizionale ‘spesa alta, tasse alte’, e un centrodestra che punta sullo schema liberale ‘meno spesa e meno debito, per avere meno tasse”.
“La valorizzazione – conclude il testo – e la messa sul mercato di quote di patrimonio pubblico può aiutarci a realizzare uno ‘scudo italiano’ in grado di contribuire alla difesa della stabilità e dell’autonomia del nostro Paese”.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia