Commercio estero, Istat: export in calo dello 0,3%. Salgono le importazioni (+2,1%) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero, Istat: export in calo dello 0,3%. Salgono le importazioni (+2,1%)

“A luglio, rispetto al mese precedente, le esportazioni presentano una lieve flessione (-0,3%), mentre le importazioni registrano un incremento del 2,1%.
La flessione congiunturale dell’export è imputabile ai beni di consumo (in particolare a quelli durevoli, -7,8%), mentre le vendite degli altri raggruppamenti di prodotti registrano una contenuta crescita.
L’incremento congiunturale dell’import è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di beni, a eccezione dell’energia (-2,3%). La crescita è particolarmente accentuata per gli acquisti di beni strumentali (+7,1%) e di beni di consumo (+5,4%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni risulta positiva (+4,3%), diffusa a tutti i raggruppamenti di prodotti e particolarmente accentuata per l’energia (+16,7%). La flessione delle importazioni (-2,1%) è spiegata dall’energia (-5,7%) e dai beni di consumo non durevoli (-2,4%); gli acquisti di beni strumentali (+5,9%) e prodotti intermedi (+0,5%) registrano invece una dinamica positiva.
Su base annua le esportazioni presentano un significativo aumento (+9,5%) che coinvolge tutti i principali comparti. Le importazioni registrano invece una flessione del 4,8%, diffusa a tutti i principali raggruppamenti di beni a eccezione dei beni di consumo durevoli (+1,2%) e dei beni strumentali (+0,2%).
A luglio 2012 la bilancia commerciale registra un avanzo significativo (1.837 milioni di euro), in netto miglioramento rispetto a luglio 2011 (-452 milioni). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici è pari a 6.584 milioni a fronte dei 4.798 milioni di luglio 2011.
Rispetto a luglio 2011, i mercati più dinamici all’export sono: ASEAN (+29,6%), Stati Uniti (+21,8%), OPEC (+20,6%), Giappone (+20,3%) e Svizzera (+19,2%). In flessione risultano le vendite verso Cina (-16,6%) e Russia (-3,0%).
In diminuzione sono le importazioni di beni da India (-25,7%), Mercosur (-23,6%), Giappone (-22,8%), EDA (-17,1%) e Russia (-16,5%). I paesi OPEC registrano, invece, un rilevante incremento (+23,0%)”, lo riporta un comunicato stampa diffuso da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Germania oltre 30mila casi in 24 ore

Sono oltre 30mila i nuovi casi registrati in Germania nelle ultime 24 ore, dove hanno perso la vita 249 persone.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Bonus Baby sitter per figlio in Dad o quarantena”

I lavoratori con figli di meno di 14 anni in Dad o quarantena possono chiedere il bonus baby sitter a meno che non siano già…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confcommercio: “Economia migliora ma rimane ancora grave”

A tredici mesi dall’inizio della crisi sanitaria le condizioni economiche dell’Italia permangono gravi, ma in progressivo miglioramento. Le difficoltà nel contenere l’epidemia, problema non solo…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Industria, Ucimu: “Ripartono gli ordini nel 2021, 158% quelli interni”

Nel primo trimestre del 2021 torna a crescere la raccolta ordini di macchine utensili da parte dei costruttori italiani. Il trimestre si chiude con un…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia