La vicenda Alcoa dopo la tensione e i cortei a Roma | T-Mag | il magazine di Tecnè

La vicenda Alcoa dopo la tensione e i cortei a Roma

L’incontro al ministero dello Sviluppo tra i rappresentati del governo e i vertici della proprietà dell’Alcoa si è concluso senza che le due parti giungessero ad una decisione definitiva sulle sorti degli impianti di Portovesme. Tuttavia, al momento sembrerebbe possibile una soluzione che non comporti la chiusura dello stabilimento sardo.
Due, infatti, sono le dichiarazioni che confermerebbero l’interesse formale della società svizzera dell’alluminio Klesch a rilevare gli impianti sardi.
Manifestazione di interesse anticipata dal segretario nazionale della Fim-Cisl, Marco Bentivogli, presente all’incontro tra governo, azienda e sindacati e che è stata anche confermata con un’e-mail all’agenzia di stampa Reuters del fondatore Gary Klesch.
Da parte sua, l’Alcoa di è detta disponibile a trattare con chiunque sia realmente interessato ad acquistare gli impianti di Portovesme.
Queste, in sostanza, le conclusioni a cui si è giunti al termine di una giornata particolarmente movimentata sotto l’aspetto dell’ordine pubblico: il corteo degli operai dell’Alcoa, giunti nella Capitale per protestare davanti alla sede del ministero dello Sviluppo, infatti, è entrato più volte in contatto con le forze dell’Ordine poste a protezione del ministero stesso. Diversi i petardi fatti esplodere dai manifestanti che, durante il loro presidio, hanno lanciato una bomba carta all’interno del ministero.
Sono circa 15 le persone che, al termine degli scontri, hanno riportato contusioni e ferite.
Stefano Fassina, responsabile per l’economia e il lavoro del Pd, è stato spintonato. Alcuni operai si sono avvicinati gridando “bastardi ci avete deluso”. Dopo le contestazioni, Fassina ha minimizzato l’episodio ai microfoni di Tgcom24: “E’ un momento difficile, quindi è comprensibile che si arrivi a momenti così concitati”, ha detto. “Mi dicono che chi ha preso la guida di quell’offensiva non fa parte dell’azienda ed è stato segnalato alle forze dell’ordine. Il nostro rapporto con i lavoratori è antico, non enfatizzerei questo punto”.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia