La vicenda Alcoa dopo la tensione e i cortei a Roma | T-Mag | il magazine di Tecnè

La vicenda Alcoa dopo la tensione e i cortei a Roma

L’incontro al ministero dello Sviluppo tra i rappresentati del governo e i vertici della proprietà dell’Alcoa si è concluso senza che le due parti giungessero ad una decisione definitiva sulle sorti degli impianti di Portovesme. Tuttavia, al momento sembrerebbe possibile una soluzione che non comporti la chiusura dello stabilimento sardo.
Due, infatti, sono le dichiarazioni che confermerebbero l’interesse formale della società svizzera dell’alluminio Klesch a rilevare gli impianti sardi.
Manifestazione di interesse anticipata dal segretario nazionale della Fim-Cisl, Marco Bentivogli, presente all’incontro tra governo, azienda e sindacati e che è stata anche confermata con un’e-mail all’agenzia di stampa Reuters del fondatore Gary Klesch.
Da parte sua, l’Alcoa di è detta disponibile a trattare con chiunque sia realmente interessato ad acquistare gli impianti di Portovesme.
Queste, in sostanza, le conclusioni a cui si è giunti al termine di una giornata particolarmente movimentata sotto l’aspetto dell’ordine pubblico: il corteo degli operai dell’Alcoa, giunti nella Capitale per protestare davanti alla sede del ministero dello Sviluppo, infatti, è entrato più volte in contatto con le forze dell’Ordine poste a protezione del ministero stesso. Diversi i petardi fatti esplodere dai manifestanti che, durante il loro presidio, hanno lanciato una bomba carta all’interno del ministero.
Sono circa 15 le persone che, al termine degli scontri, hanno riportato contusioni e ferite.
Stefano Fassina, responsabile per l’economia e il lavoro del Pd, è stato spintonato. Alcuni operai si sono avvicinati gridando “bastardi ci avete deluso”. Dopo le contestazioni, Fassina ha minimizzato l’episodio ai microfoni di Tgcom24: “E’ un momento difficile, quindi è comprensibile che si arrivi a momenti così concitati”, ha detto. “Mi dicono che chi ha preso la guida di quell’offensiva non fa parte dell’azienda ed è stato segnalato alle forze dell’ordine. Il nostro rapporto con i lavoratori è antico, non enfatizzerei questo punto”.

 

Scrivi una replica

News

Industria, Ucimu: “Ripartono gli ordini nel 2021, 158% quelli interni”

Nel primo trimestre del 2021 torna a crescere la raccolta ordini di macchine utensili da parte dei costruttori italiani. Il trimestre si chiude con un…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Inflazione sale a marzo allo 0,8%”

“Nel mese di marzo, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 105 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 105 punti.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,1 dollari al barile e Brent a 66,61 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 63,1 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 66,61 dollari.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia