Confesercenti: “Abbassare la spesa, per ridurre pressione fiscale” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Confesercenti: “Abbassare la spesa, per ridurre pressione fiscale”

Diminuire la spesa pubblica per cercare di ridurre la pressione fiscale. Questo, in sostanza, è l’intervento che Confesercenti chiede all’esecutivo guidato da Mario Monti per tornare a crescere e garantire lo sviluppo economico del Paese.
Nel rapporto Confesercenti-Ref sulle previsioni economiche la confederazione guidata da Marco Venturi sottolinea che “il 2013 deve essere l’anno di svolta per l’economia italiana”, per questo “la politica di bilancio non potrà limitarsi ad aggiustamenti marginali ma dovrà assumere dimensioni di rilievo, secondo una direttrice ben precisa: tagliare la spesa pubblica per ridurre la pressione fiscale”.
“E’ possibile – secondo le stime di Confesercenti – recuperare immediatamente almeno 20 miliardi da destinare alla riduzione della pressione fiscale”.
“In tal modo – si legge nel rapporto – otterremmo contemporaneamente due risultati: da un lato miglioreremmo la qualità della spesa pubblica, riducendo sprechi ed impieghi improduttivi; dall’altro avvieremmo un percorso di progressivo recupero di competitività del sistema produttivo e del potere d’acquisto delle famiglie”.
I 20 miliardi, a detta di Confesercenti, si potrebbero recuperare tramite la riduzione del numero dei parlamentari e delle relative indennità. Ma non solo, per raggiungere quota 20 miliardi, sarebbe necessario sia eliminare completamente le Province, il che permetterebbe un risparmio di 5 miliardi di euro, sia l’eliminazione delle Società partecipate dagli enti locali; un intervento shock nell’ambito della dismisisone di immobili e della cessione delle partecipazioni del Tesoro.
Per Confesercenti “destinare 20 miliardi alla ripresa non significa sottrarli agli equilibri del bilancio pubblico. Si tratta, infatti, di azionare un volano per far ripartire l’economia, con inevitabili effetti su investimenti, occupazione, consumi e reddito disponibile, ma anche con ricadute positive sulla finanza pubblica (maggiori entrate e minori spese per ammortizzatori sociali in tempo di crisi)”.
Inoltre, “una riduzione generalizzata del cuneo fiscale, a favore di tutte le imprese, associato a un intervento selettivo a favore delle famiglie con bassi redditi appare – secondo Confesercenti – la combinazione più idonea in una fase come l’attuale, date anche le poche risorse disponibili. Da un lato si conseguirebbe una riduzione del costo del lavoro, con un impulso positivo sugli investimenti, sul costo del lavoro, sull’occupazione e sul reddito disponibile. Dall’altro si influirebbe più direttamente su una ripresa dei consumi. Se questi sono gli obiettivi, le soluzioni non mancano: riduzione delle aliquote Irap e/o degli oneri sociali a carico delle imprese; aumento delle detrazioni d’imposta per le famiglie meno abbienti, riduzione della prima aliquota Irpef”.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia