Bce: “Senza un risanamento completo. Italia esposta a nuovi rischi” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Bce: “Senza un risanamento completo. Italia esposta a nuovi rischi”

Il debito/pil dell’Italia raggiungerà il 125% nel 2013 per poi scendere al 117% nel 2020 nel caso in cui il governo consegua soltanto la metà del risanamento strutturale cui si è impegnato per il periodo 2012-2015. Questa in pratica è la previsione della Banca centrale europea contenuta nel bollettino mensile di settembre diffuso oggi, 13 settembre.
Un risanamento incompleto di questa entità, sostengono gli esperti dell’Eurotower, “consentirebbe al massimo di stabilizzare il rapporto debito/pil ai livelli attuali e non fornirebbe un margine di sicurezza adeguato in caso di andamenti macroeconomici avversi”.
Mentre nel caso in cui l’Italia centri pienamente gli obiettivi stabiliti nell’aggiornamento del programma di stabilità, il rapporto debito/pil raggiungerà – secondo le stime di Francoforte – il 123% nel 2012 per poi scendere al disotto del 100% entro il 2020.
Secondo l’Eurotower, sono necessarie riforme strutturali di sostegno alla crescita in Italia. “Il risanamento dei conti pubblici e il conseguimento di adeguati avanzi primari risulteranno agevolati da misure atte a favorire la crescita del prodotto potenziale”.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,37 dollari al barile e Brent a 67,33 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato 63,37 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 67,33 dollari.…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia