Libia, la reazione degli Stati Uniti. Ambasciate Usa prese d’assalto in Egitto e Yemen | T-Mag | il magazine di Tecnè

Libia, la reazione degli Stati Uniti. Ambasciate Usa prese d’assalto in Egitto e Yemen

Gli Stati Uniti reagiscono all’attacco condotto contro la propria ambasciata a Bengasi, costato la vita al diplomatico statunitense Chris Stevens ed ad altri tre componenti dello staff diplomatico. Le dichiarazioni rilasciate mercoledì dal presidente Barack Obama, che ribadivano l’intenzione degli Stati Uniti di continuare a rifiutare qualsiasi tentativo “di denigrare i credi degli altri popoli”, ma allo stesso tempo di non voler giustificare quanto accaduto a Bengasi, sono state seguite dall’invio in Libia di una squadra speciale del corpo dei marines, specializzata nel contrastare le attività terroristiche e composto da 200 unità, di cui 50 saranno stanziati solo nella capitale, Tripoli.
Oltre ai marines, Washington ha deciso di inviare anche due cacciatorpediniere che dovranno presidiare le coste libiche.
“Non commetteremo errori, lavoreremo con il governo libico per consegnare alla giustizia gli assassini che hanno attaccato il nostro popolo”, ha dichiarato il presidente Obama ordinando di incrementare le misure di sicurezza nelle sedi diplomatiche statunitensi di tutto il mondo.
Nel frattempo, il segretario di Stato, Hillary Clinton, ha criticato duramente il film che, secondo molti sarebbe all’origine delle proteste davanti alle ambasciate statunitensi in Libia, Egitto, Marocco, Sudan, Tunisia e Yemen da parte dei fedeli musulmani, definendolo “disgustoso e riprovevole”.
Intanto, l’ipotesi secondo cui l’attacco all’ambasciata di Bengasi sia stato preparato con largo anticipo da al Qaeda e che il film Innocence of Muslims sia solo un pretesto prende sempre più piede.
Intanto però continuano le proteste anti Usa, con le ambasciate statunitensi di Egitto e Yemen prese d’assalto.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale i contagi hanno superato i 261,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 261.664.156. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone richiude le frontiere agli stranieri

Il Giappone chiuderà, di nuovo, i suoi confini a tutti i visitatori stranieri, con lo scopo di contrastare la variante Omicron del Covid-19. Ad annunciarlo…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nucleare, Teheran: «Usa rimuovano le sanzioni»

«Se gli Usa vengono a Vienna per i colloqui sul nucleare con l’obiettivo di rimuovere le sanzioni potranno cogliere l’opportunità di tornare all’accordo». Lo ha…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green pass, in Svizzera vince il sì al referendum

Con il 63% dei voti a favore, la Svizzera ha detto sì al Green pass. Così, infatti, si sono espressi ieri i cittadini nell’ambito del…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia