Usa 2012. Gli spot elettorali dei candidati/21 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2012. Gli spot elettorali dei candidati/21

di Fabio Germani

Si potrebbe dire, con un pizzico di malizia, che il migliore alleato di Obama nella sfida con Romney sia Romney stesso. Certo, molto sta dipendendo anche dal video fatto girare lunedì, a insaputa del candidato repubblicano, in cui afferma durante una cena di raccolta fondi per la campagna elettorale che tra i sostenitori di Obama si anniderebbe quel 47% di americani che “fanno le vittime”, “non pagano le tasse” e che dipendono dagli aiuti del governo. L’indomani l’editoriale di David Brooks sul New York Times non è valso un endorsement a favore di Obama, ma poco ci è mancato talmente sono state inequivocabili le critiche rivolte a Romney, definito per l’occasione un incompetente: “Ha dimostrato ancora una volta di non conoscere l’America e la sua cultura politica”. C’è da rammentare, tuttavia, che qualcosa di analogo accadde anche a Barack Obama nel 2008, ai tempi delle primarie democratiche, quando una blogger dell’Huffington Post, origliò il futuro inquilino della Casa Bianca “giustificare” i rancori di alcuni cittadini dei piccoli centri in Pennsylvania senza lavoro e dimenticati dalle due precedenti amministrazioni, ovviamente riportando parola per parola quanto sostenuto dall’allora sfidante di Hillary Clinton. Ma le gaffe di Romney sono più numerose e a volte è una questione di tempistica. Come quando, pochi giorni fa, ha attaccato la politica estera dell’attuale amministrazione per la morte dell’ambasciatore in Libia Chris Stevens e le proteste scoppiate in Egitto e Yemen per il film ritenuto blasfemo. Anche in questo caso, ci ha pensato il quarto potere: Washington Post e Los Angeles Times hanno subito stigmatizzato la rapidità con cui Romney ha approfittato del momento per prendersela con il presidente quando sarebbe stato auspicabile un atteggiamento più solidale, data la gravità della situazione.
Obama, ospite al programma di David Letterman sulla Cbs, ha risposto a Romney: “Se vuoi diventare presidente degli Stati Uniti dovrai lavorare per ogni americano e non soltanto per alcuni. Non credo che fuori di qui ci siano tante persone che si sentono delle vittime”. L’ex governatore del Massachusetts, da par suo, ha affidato a Usa Today la propria difesa: “Sin dalla sua fondazione, l’America ha promosso la responsabilità personale, la dignità del lavoro e la libertà d’impresa: questi sono i valori grazie ai quali la nostra nazione è diventata la più grande sulla terra e la nostra economia la più invidiata al mondo. Io darò opportunità di crescita, non assistenzialismo statalista”.
Come era prevedibile lo staff di Obama non si è lasciato scappare la ghiotta opportunità.

Un’ulteriore buona notizia per Obama era giunta alla fine di agosto quando si è saputo del superamento ai danni di Romney nella raccolta fondi per la campagna elettorale. Fino a quel momento, infatti, lo sfidante aveva potuto vantare un ampio vantaggio.

 

2 Commenti per “Usa 2012. Gli spot elettorali dei candidati/21”

  1. […] disperazione giustificata di tanti cittadini della Pennsylvania (aneddoto che abbiamo ricordato su queste pagine alcuni giorni fa). La notizia fece scalpore, sia per le dichiarazioni del futuro inquilino della […]

  2. […] lunga Romney. È tuttavia curioso come la vicenda della gaffe di Romney di alcune settimane fa (quella sul 47% di americani “parassiti”) non sia mai stata menzionata da Obama. Che lo staff presidenziale abbia in serbo qualche sorpresa […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, von der Leyen: «Adattare immediatamente i vaccini alle nuove varianti»

«I contratti dell’Unione europea con i produttori affermano che i vaccini devono essere adattati immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono». Così la presidente…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «Pronti a escalation con Mosca»

Rischio di golpe tra l’1 e il 2 dicembre. E sullo sfondo uno scenario di guerra con la Russia. Questa è la sintesi delle dichiarazioni…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue elimina l’obbligo di autorizzazione all’export per i vaccini

“Dal primo gennaio 2022 i produttori di vaccini non saranno piu’ obbligati a chiedere l’autorizzazione per esportare i loro prodotti al di fuori dell’Ue”. Lo ha reso noto…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Portogallo a gennaio una settimana di contenimento

Stretta in Portogallo per contenere l’avanzata del coronavirus. Infatti, il governo ha stabilito una settimana di contenimento, dal 2 al 9 gennaio, durante la quale…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia