Recuperare in competitività (e fare in fretta) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Recuperare in competitività (e fare in fretta)

di Fabio Germani

Il governo rivede al ribasso lo stato di salute dell’economia italiana. È notizia di giovedì e come spiega Palazzo Chigi in una nota sono state aggiornate “le stime sulla crescita e i conti pubblici per il periodo 2012-2015 rispetto ai dati comunicati nel Documento di economia e finanza dello scorso 18 aprile. A causa del peggioramento dello scenario internazionale, in particolare della zona euro, nel 2012 è prevista una contrazione del Pil del 2,4 per cento e nel 2013 la crescita dovrebbe essere leggermente negativa. L’anno prossimo infatti, a causa dell’effetto di trascinamento del calo registrato nel corso del 2012, è previsto una contrazione dello 0,2 per cento. Nel 2014-2015, invece, è prevista una crescita rispettivamente dell’1,1 per cento e dell’1,3 per cento grazie all’aumento della domanda interna ed esterna in virtù degli effetti positivi delle riforme strutturali per rilanciare l’economia”.
È in un quadro del genere, dunque, che le prossime azioni dell’esecutivo, incentrate su sviluppo e crescita, dovranno essere lungimiranti e capaci di porre le basi per il prosieguo di un’agenda che miri ad una ripresa costante e duratura. Perché a ben vedere ciò che manca al nostro Paese – ciò che è mancato al nostro Paese – è un grado di competitività a livelli soddisfacenti. L’Italia, quasi inutile starlo a ripetere, presenta una serie di ritardi strutturali che ci hanno fatto perdere posizioni rispetto ai partner europei e ai competitori internazionali. La classifica del Global Competitiveness Report 2012-2013, presentata alcuni giorni fa dal World Economic Forum, parla chiaro: siamo al 42esimo posto per competitività, dietro la Spagna (36esima posizione) e soprattutto alle spalle di Paesi quali Porto Rico, Oman, Estonia, Thailandia e Panama. Le maggiori “accuse” rivolte all’Italia riguardano il mercato del lavoro ritenuto sempre rigido e alcune lacune sul piano istituzionale, dove in particolare la corruzione (tante le volte che lo abbiamo sottolineato su queste pagine) è il problema più grave da affrontare. I parametri contemplati nel Global Competitiveness Report riguardano la qualità delle istituzioni (dalla burocrazia alla corruzione, appunto), le infrastrutture, il contesto macroeconomico, sanità ed educazione (primaria, superiore e formazione), mercato del lavoro e mercato finanziario, le capacità tecnologiche presenti, innovazione. In questi ambiti Svizzera e Singapore occupano rispettivamente il primo e il secondo posto. Poi, tra i primi dieci, figurano Paesi del Nord Europa: Finlandia, Svezia, Olanda, Germania e Regno Unito.
In generale non c’è molto altro da aggiungere. Basti pensare che per qualità complessiva delle infrastrutture (tra le voci annoverate strade, rete elettrica e ferrovie) siamo all’82esimo posto.
Inutile girarci intorno, necessitiamo di investimenti e innovazione. C’è ancora molto da fare.

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia