Recuperare in competitività (e fare in fretta) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Recuperare in competitività (e fare in fretta)

di Fabio Germani

Il governo rivede al ribasso lo stato di salute dell’economia italiana. È notizia di giovedì e come spiega Palazzo Chigi in una nota sono state aggiornate “le stime sulla crescita e i conti pubblici per il periodo 2012-2015 rispetto ai dati comunicati nel Documento di economia e finanza dello scorso 18 aprile. A causa del peggioramento dello scenario internazionale, in particolare della zona euro, nel 2012 è prevista una contrazione del Pil del 2,4 per cento e nel 2013 la crescita dovrebbe essere leggermente negativa. L’anno prossimo infatti, a causa dell’effetto di trascinamento del calo registrato nel corso del 2012, è previsto una contrazione dello 0,2 per cento. Nel 2014-2015, invece, è prevista una crescita rispettivamente dell’1,1 per cento e dell’1,3 per cento grazie all’aumento della domanda interna ed esterna in virtù degli effetti positivi delle riforme strutturali per rilanciare l’economia”.
È in un quadro del genere, dunque, che le prossime azioni dell’esecutivo, incentrate su sviluppo e crescita, dovranno essere lungimiranti e capaci di porre le basi per il prosieguo di un’agenda che miri ad una ripresa costante e duratura. Perché a ben vedere ciò che manca al nostro Paese – ciò che è mancato al nostro Paese – è un grado di competitività a livelli soddisfacenti. L’Italia, quasi inutile starlo a ripetere, presenta una serie di ritardi strutturali che ci hanno fatto perdere posizioni rispetto ai partner europei e ai competitori internazionali. La classifica del Global Competitiveness Report 2012-2013, presentata alcuni giorni fa dal World Economic Forum, parla chiaro: siamo al 42esimo posto per competitività, dietro la Spagna (36esima posizione) e soprattutto alle spalle di Paesi quali Porto Rico, Oman, Estonia, Thailandia e Panama. Le maggiori “accuse” rivolte all’Italia riguardano il mercato del lavoro ritenuto sempre rigido e alcune lacune sul piano istituzionale, dove in particolare la corruzione (tante le volte che lo abbiamo sottolineato su queste pagine) è il problema più grave da affrontare. I parametri contemplati nel Global Competitiveness Report riguardano la qualità delle istituzioni (dalla burocrazia alla corruzione, appunto), le infrastrutture, il contesto macroeconomico, sanità ed educazione (primaria, superiore e formazione), mercato del lavoro e mercato finanziario, le capacità tecnologiche presenti, innovazione. In questi ambiti Svizzera e Singapore occupano rispettivamente il primo e il secondo posto. Poi, tra i primi dieci, figurano Paesi del Nord Europa: Finlandia, Svezia, Olanda, Germania e Regno Unito.
In generale non c’è molto altro da aggiungere. Basti pensare che per qualità complessiva delle infrastrutture (tra le voci annoverate strade, rete elettrica e ferrovie) siamo all’82esimo posto.
Inutile girarci intorno, necessitiamo di investimenti e innovazione. C’è ancora molto da fare.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia