Caso Sallusti: la Procura sospende l’esecuzione della pena | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Sallusti: la Procura sospende l’esecuzione della pena

La Procura della Repubblica di Milano ha deciso di sospendere automaticamente l’esecuzione della pena detentiva ad Alessandro Sallusti, direttore del Giornale, condannato in Cassazione a 14 mesi di reclusione per diffamazione in riferimento ad un articolo risalente al 2007 su Libero, quotidiano che dirigeva all’epoca.
“Ho appena annunciato ai miei giornalisti che stasera mi dimetto”, ha fatto sapere Sallusti intervenendo a Pomeriggio 5.
“Mi rifiuto – ha spiegato – di essere rieducato da qualcuno, credo che l’affidamento deve avvenire per qualcuno che spaccia droga magari anche per qualche politico che ruba. Mi rifiuto di chiedere la grazia al presidente Napolitano, perché credo che in quanto capo della magistratura italiana in questi sette anni non abbia difeso a sufficienza i cittadini dall’invadenza di una giustizia politicizzata”.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia