Napolitano: “Politica rigore a cominciare dai ceti più abbienti” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Napolitano: “Politica rigore a cominciare dai ceti più abbienti”

In un messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al presidente dello Svimez, Adriano Giannola, in occasione della presentazione del Rapporto sull’economia del Mezzogiorno, si legge: “L’obiettivo del ritorno alla crescita economica dell’Italia può e deve essere perseguito nel quadro dell’obbligato risanamento dei conti pubblici, attraverso una politica di rigore che deve coinvolgere tutti i ceti sociali, a cominciare dai più abbienti.
Occorre al tempo stesso un più forte impegno dell’Unione europea per sostenere investimenti strategici quali quelli relativi alla formazione delle risorse umane, alla ricerca, all’innovazione e a qualificati interventi infrastrutturali”.
“Nella presente difficile situazione economica – ha aggiunto il Colle – destano grande preoccupazione i dati relativi all’andamento dell’occupazione in tutte le aree del paese che riguardano in particolare il Mezzogiorno e le generazioni piu’ giovani”.
“E’ evidente l’urgenza di operare per la ripresa di uno stabile processo di crescita, il cui conseguimento resta imprescindibilmente legato anche alla piena mobilitazione di tutte le risorse economica e sociale del meridione”, ha concluso Napolitano.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia