La crisi occupazionale nell’Unione europea | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi occupazionale nell’Unione europea

Che la disoccupazione sia un problema europeo è stato detto in tutte le salse. Ciò che reca maggiore sconforto è il numero in costante crescita: nell’Unione europea la disoccupazione ha raggiunto quota 25,3 milioni, con un aumento di 2,6 milioni di unità (+11,6%) rispetto a marzo 2011. Il tasso di disoccupazione, 10,4% nell’Ue, risulta in crescita in 17 Stati membri e sono fin troppo evidenti le disparità tra i paesi meno in difficoltà e quelli che presentano alti tassi di disoccupazione. A fare emergere un quadro così poco rassicurante è la Commissione europea nel recente rapporto trimestrale sul lavoro e la divergenza sociale nell’Unione.
Si parlava delle differenze tra i vari Paesi. Basti pensare che tra Austria – dove la disoccupazione è al 4,5% – e Spagna – dove invece la disoccupazione è al 25,1% – ci sono 20,6 punti percentuali di distacco, un record assoluto.
Il numero dei disoccupati di lunga durata, inoltrer, è aumentato dall’anno scorso in 15 Stati membri, arrivando a 10,7 milioni di persone. Questi ultimi sono il 4,5% della popolazione attiva (+0,4 punti percentuali nell’ultimo anno). La disoccupazione giovanile, inutile quasi sottolinearlo, è a un livello ritenuto “drammatico”. A luglio, infatti, si attestava nella Ue al 22,5% pur non aumentando nel secondo trimestre. Dodici Stati membri hanno registrato tassi superiori al 25% e solo tre restano sotto la soglia del 10% (i soliti Austria, Germania e Paesi Bassi).
Sono 8,6 milioni i lavoratori a tempo parziale sottoccupati, soprattutto tra le donne, poi ci sono altri 10,9 milioni tra inattività e disoccupazione.
I numeri, inevitabilmente, si ripercuotono sulla produttività. E qui l’Italia è maglia nera. Nel secondo trimestre il nostro Paese ha registrato il crollo di produttività peggiore dell’Ue: -2,1% dopo il -0,8% nel primo trimestre. A seguire Ungheria (-1,9%), Regno Unito (-1,4%), Repubblica Ceca e Slovenia (-1,3%). Italia e Malta sono così i soli stati dell’Unione che mostrabo un calo per quattro trimestri consecutivi.

 

Scrivi una replica

News

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Segnali incoraggianti di rallentamento dell’epidemia»

«Si vedono segnali importanti di rallentamento dell’epidemia in Italia. Alla domanda se siamo arrivati al picco, la risposta potrebbe essere ni», lo ha detto il presidente della…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confesercenti: «Con Omicron e caro-energia ripresa indietro di sei mesi»

Omicron e corsa delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. Così la Confesercenti, spiegando che il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Continuano a salire i prezzi dei carburanti

Prosegue la scia di rialzi dei prezzi praticati dei carburanti. Secondo Quotidiano energia la quotazione media della benzina al distributori è di 1,750 euro al…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abu Dhabi, attentato Huthi con droni: insorti yemeniti filo-iraniani rivendicano attacco

Un attacco aereo eseguito con droni da parte degli insorti yemeniti filo-iraniani Huthi, che lo hanno in seguito rivendicato, ha provocato una serie di esplosioni…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia