Istat, solo due bambini su dieci vanno all’asilo nido | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, solo due bambini su dieci vanno all’asilo nido

“Il 18,7% dei bambini di 0-2 anni frequenta un asilo nido pubblico o privato. La quota è maggiore nel Centro-nord, con un picco del 27,1% nel Nord-est, mentre nel Sud e nelle Isole la percentuale scende sotto il 14% (il 13,5% nelle Isole e il 7,6% nel Sud).
Non va al nido il 79,3% dei bambini di 0-2 anni. Prevalgono, nella scelta dei genitori, motivazioni di tipo soggettivo come ricorrere a un familiare (35,7%), il bambino è troppo piccolo per essere affidato a questo tipo di struttura (34,5%), non voler delegare la propria funzione educativa ad altri (6,1%). Meno diffuse, invece, sono quelle dovute esclusivamente a carenze dal lato dell’offerta di assistenza all’infanzia.
Tra il 2008 e il 2011 aumenta il numero di studenti italiani che ha in classe compagni stranieri (dal 54,8% al 59,3%). La presenza di compagni di scuola stranieri è più alta nel Centro-nord (oltre il 78%), mentre nel Sud e nelle Isole la quota non raggiunge il 33%. Nello stesso periodo, la quota degli studenti italiani che frequentano compagni stranieri al di fuori dell’orario scolastico passa dal 23% al 28,8%.
Per andare a scuola il 44,3% degli studenti fino a 17 anni utilizza l’automobile, mentre il mezzo pubblico o collettivo è utilizzato dal 27,1%. Si sposta a piedi il 29,9% degli studenti.
Il 31,9% degli studenti fino a 17 anni ha partecipato almeno a un corso (sport, musica, ecc.) organizzato dalla scuola nel corso dell’anno scolastico. In cima alle preferenze degli studenti le attività sportive (63,4% dei maschi contro il 56,7% delle studentesse). Rilevante la partecipazione delle femmine a corsi di musica e teatro (35,3% rispetto a 28,6% dei maschi)e lingue straniere (21,2% rispetto a 16,8%).
Tra i servizi e le attrezzature scolastiche utilizzate dagli studenti, ai primi posti si collocano la palestra (79,2%) e il laboratorio scientifico/sala computer (53,4%). Solo il 15,1% utilizza il laboratorio linguistico.
Il 53,4% degli studenti fino a 13 anni iscritti alla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado pranza a scuola: il 30,7% tutti i giorni e il 22,7% nei giorni in cui è previsto, mentre il 46,6% non consuma mai il pranzo a scuola.
All’esame di terza media il 35,4% dei ragazzi di 13-17 anni ha conseguito il giudizio ‘sufficiente’, il 27,5% ‘buono’, il 19,7% ‘distinto’ e solo il 17,3% ‘ottimo'”, lo rende noto Istat.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia