Pil, Squinzi: “Per la crescita bisognerà aspettare il 2015” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil, Squinzi: “Per la crescita bisognerà aspettare il 2015”

Mi fa piacere la disponibilità di Monti a intervenire sulla riduzione delle tasse. Nei giorni scorsi ho già detto che il carico fiscale sulle imprese è veramente devastante. Se si può fare qualcosa per abbassarle noi siamo molto d’accordo”, lo ha sottolineato Squinzi, presidente di Confindustria, a margine dell’assemblea di Unindustria a Pordenone.
“Se vogliamo rivedere una crescita rigorosa dobbiamo aspettare – ha detto -, se tutto va bene, il 2015. Ciò che abbiamo di fondato è che quest’anno siamo al -2,4%, l’anno prossimo, come ha specificato il nostro Centro Studi, saremo a -0,5-0,6 con la possibilità di vedere nella seconda parte dell’anno qualche segno positivo”.
“Aspetto che finalmente si metta mano al decreto Sviluppo e che si riesca a portare avanti provvedimenti incisivi”, ha affermato.
In conclusione Squinzi ha detto: “L’evasione e il sommerso si possono contrastare con provvedimenti di tipo attivo, per esempio mettendo la deducibilità in alcune spese dal punto di vista fiscale, per esempio nell’edilizia. Se si desse la deducibilità delle spese per gli investimenti della propria casa o di altre attività, penso che il sommerso sparirebbe”.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: dal 1° febbraio al supermercato e in farmacia senza Green Pass

Dal 1° febbraio per entrare nella maggior parte dei negozi servirà il Green Pass base, che si può ottenere anche soltanto con un test anti-genico…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia circa ventimila ricoveri in area medica

La nuova ondata di contagi sta mettendo sotto pressione il sistema ospedaliero italiano: i pazienti “con” o “per” Covid-19 ricoverati in area medica sono circa…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo oltre tre milioni di nuovi casi al giorno

A livello globale, tra il 13 e il 19 gennaio, i contagi giornalieri hanno superato i tre milioni, una cifra quintuplicata dalla scoperta della variante…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 70mila nuovi contagi in Israele

Sono quasi 70mila i nuovi casi registrati in Israele, dove salgono anche i malati gravi che sfiorano quota 638. Il dato dei contagi è il…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia