Immigrati, Riccardi: “Dopo il 15 ottobre pugno duro contro i datori di lavoro irregolari” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Immigrati, Riccardi: “Dopo il 15 ottobre pugno duro contro i datori di lavoro irregolari”

In merito all’opportunità per i datori di lavoro e clandestini di mettersi in regola con un versamento di mille euro e la dimostrazione di essere in Italia dal 2011 il ministro per la Cooperazione e l’Integrazione, Andrea Riccardi, ha detto: “Ci sono grossi interessi che riguardano il caporalato soprattutto in agricoltura con stranieri che sono tenuti in schiavitù ma su questo dopo il 15 ottobre (termine ultimo per la regolarizzazione dei lavoratori immigrati) si andrà duri e si picchierà duro. Ci sono delle misure molto severe che sono quelle della direttiva europea che abbiamo recepito.
I datori di lavoro colti ad utilizzare lavoratori stranieri in modo clandestino saranno puniti. Prima o poi arriveremo a prosciugare le sacche di clandestinità ma se uno fa la domanda con le carte in regole non si deve aver paura”.
“Le richieste per il decreto emersione dei lavoratori immigrati irregolari – ha aggiunto – sono più di 70 mila e noi ce ne aspettavamo 150 mila alla chiusura di questa finestra. Non mi sembra che sia un fallimento. Naturalmente le regole sono severe perché bisogna che i lavoratori siano presenti sul territorio dal 31 dicembre e si chiede una documentazione certa di organizzazioni che hanno un rilievo pubblico”.

 

Scrivi una replica

News

Partito democratico, Nicola Zingaretti annuncia dimissioni da segretario

«Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ema avvia sperimentazione Sputnik V

L’Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V. Lo comunica la stessa Ema, specificando che a presentare domanda per l’UE è stata la…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia