Istat, import ed export in aumento del 4,4% e del 3,9% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, import ed export in aumento del 4,4% e del 3,9%

Istat in una nota riporta che “ad agosto, al netto degli effetti stagionali, si rilevano aumenti rispetto al mese precedente sia per le importazioni (+4,4%) sia per le esportazioni (+3,9%).
L’aumento dell’export è più sostenuto per le vendite verso i paesi Ue (+4,7%) rispetto ai paesi extra Ue (+2,9%). Particolarmente rilevante è l’incremento delle vendite di prodotti energetici (+8,8%) e di beni di consumo durevoli (+6,7%).
La crescita delle importazioni coinvolge entrambe le aree di interscambio: +4,9% per i paesi extra Ue e +3,9% per i paesi Ue. Incrementi significativi si registrano per prodotti energetici (+9,3%), beni di consumo durevoli (+5,7%) e prodotti intermedi (+4,6%).
Ad agosto l’aumento tendenziale del valore delle esportazioni (+8,4%) deriva da incrementi sia dei valori medi unitari (+5,3%), sia, in misura più contenuta, dei volumi (+2,8%).
La riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-1,1%) è determinata da una significativa flessione dei volumi (-6,1%), mentre i valori medi unitari registrano un rilevante incremento (+5,5%).
Il saldo commerciale di agosto, pari a -598 milioni, è la risultante di un disavanzo con i paesi dell’area extra Ue (-1,0 miliardi) e un avanzo con i paesi Ue (+0,4 miliardi).
Nei primi otto mesi dell’anno, il saldo commerciale, sostenuto dal forte avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (+47,1 miliardi), risulta positivo per 3,8 miliardi. L’attivo di beni strumentali contribuisce per quasi il 70% al surplus registrato per i prodotti diversi dall’energia.
Rispetto ad agosto 2011, i mercati più dinamici all’export sono: Turchia (+51,0%), paesi ASEAN (+37,2%) e paesi OPEC (+29,6%). Risultano in crescita sostenuta le vendite di prodotti petroliferi raffinati (+17,6%), articoli sportivi, preziosi e strumenti medici (+15,7%) e mobili (+14,6%).
Marcata è la flessione delle importazioni dai paesi Mercosur (-33,2%) e dal Giappone (-29,5%) mentre sono in forte crescita gli acquisti dalla Russia (+36,8%). Gli acquisti di autoveicoli (-35,8%) registrano una significativa contrazione.
L’incremento delle vendite di prodotti petroliferi raffinati verso paesi OPEC e Turchia contribuisce per un punto percentuale all’aumento tendenziale dell’export”.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia