Immigrati, Riccardi: “Abbiamo recuperato 135 milioni di euro con regolarizzazioni” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Immigrati, Riccardi: “Abbiamo recuperato 135 milioni di euro con regolarizzazioni”

Intervistato dasl Corriere della Sera il ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione, Andrea Riccardi, ha detto: “Abbiamo recuperato 135 milioni di euro. E nelle casse dell’Inps ne finiranno 75 milioni in più, solo per il settore dei lavoratori domestici. Ora la finestra si è chiusa. Saremo molto severi con chi non si è messo in regola. Solleciterò maggiori controlli contro questa Italia che pascola nell’illegalità, che non paga le tasse e non mette in regola gli immigrati ma anche i nostri giovani. Il lavoro nero è una piaga. La legge va applicata con durezza. Gli immigrati non rischiano nulla. Anzi, per quelli che denunciano chi non li ha regolarizzati, in caso di sfruttamento grave è prevista anche una premialità. L’opportunità l’abbiamo data. E ora sappiamo chi ha mostrato più responsabilità”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, record di morti in Brasile: 1840

Il Brasile ha registrato un nuovo record di morti da coronavirus, con 1.840 decessi in 24 ore. I nuovi casi, invece, sono 74.376.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 70mila morti in Spagna

I morti da coronavirus in Spagna hanno superato quota 70mila, con 466 nelle ultime 24 ore.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia