Istat, commercio estero extra-Ue in calo. Export -2% e import -4,3% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, commercio estero extra-Ue in calo. Export -2% e import -4,3%

A settembre, entrambi i flussi commerciali con l’estero registrano una diminuzione rispetto al mese precedente, più marcata per le importazioni (-4,3%) che per le esportazioni (-2,0%).
Il calo congiunturale delle importazioni interessa tutti i principali raggruppamenti di beni ed è particolarmente significativo per i beni di consumo durevoli (-12,6%), i prodotti intermedi (-9,3%) e i beni strumentali (-5,2%).
La flessione congiunturale delle esportazioni riguarda l’energia (-15,9%), i beni di consumo non durevoli (-2,2%) e i beni strumentali (-1,4%), mentre i beni di consumo durevoli (+4,1%) e i prodotti intermedi (+0,3%) sono in crescita.
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni rimane positiva (+0,8%) e diffusa a tutti i raggruppamenti di prodotti, con l’eccezione dei beni strumentali (-3,6%). L’energia (+5,5%), i prodotti intermedi (+3,5%) e i beni di consumo non durevoli (+3,3%) contribuiscono in misura maggiore alla crescita delle esportazioni. Le importazioni sono pressoché stazionarie (+0,1%): i beni di consumo durevoli (+2,7%) e l’energia (+2,1%) registrano tassi positivi, mentre i prodotti intermedi e i beni strumentali sono in flessione (-2,2% per entrambi).
Su base annua le esportazioni presentano un lieve aumento (+0,3%), che coinvolge tutti i principali comparti ad eccezione dei beni strumentali (-2,5%). La marcata flessione delle importazioni (-7,6%) riguarda tutti i principali comparti; soltanto l’energia presenta una variazione tendenziale positiva (+5,0%).
A settembre 2012 la bilancia commerciale registra un disavanzo di 596 milioni di euro, in miglioramento rispetto a settembre 2011 (-1.832 milioni). Nello stesso mese, l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici migliora, passando da 3.038 a 4.518 milioni.
Rispetto a settembre 2011, i mercati più dinamici all’export sono: paesi ASEAN (+22,9%), Stati Uniti (+18,5%), OPEC (+13,1%), Turchia (+7,2%) e Giappone (6,2%). In marcata flessione sono le vendite verso Cina (-18,9%) e MERCOSUR (-13,9%).
Gli acquisti di beni da OPEC (+19,1%) e Russia (+10,3%) crescono, mentre per gli altri principali partner commerciali si registra una netta diminuzione. Si legge in una nota diffusa da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Metsola: “Onorerò Sassoli. Voglio che le persone recuperino un senso di fede”

“Onorerò David Sassoli come presidente battendomi sempre per l’Europa. Voglio che le persone recuperino un senso di fede ed entusiasmo nei confronti del nostro progetto.…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Metsola eletta presidente del Parlamento Europeo

Roberta Metsola, eurodeputata maltese e membro del Ppe è stata eletta, al primo turno, presidente del Parlamento europeo. I voti favorevoli per Metsola sono stati…

18 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Segnali incoraggianti di rallentamento dell’epidemia»

«Si vedono segnali importanti di rallentamento dell’epidemia in Italia. Alla domanda se siamo arrivati al picco, la risposta potrebbe essere ni», lo ha detto il presidente della…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confesercenti: «Con Omicron e caro-energia ripresa indietro di sei mesi»

Omicron e corsa delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. Così la Confesercenti, spiegando che il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia