Istat, commercio estero extra-Ue in calo. Export -2% e import -4,3% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, commercio estero extra-Ue in calo. Export -2% e import -4,3%

A settembre, entrambi i flussi commerciali con l’estero registrano una diminuzione rispetto al mese precedente, più marcata per le importazioni (-4,3%) che per le esportazioni (-2,0%).
Il calo congiunturale delle importazioni interessa tutti i principali raggruppamenti di beni ed è particolarmente significativo per i beni di consumo durevoli (-12,6%), i prodotti intermedi (-9,3%) e i beni strumentali (-5,2%).
La flessione congiunturale delle esportazioni riguarda l’energia (-15,9%), i beni di consumo non durevoli (-2,2%) e i beni strumentali (-1,4%), mentre i beni di consumo durevoli (+4,1%) e i prodotti intermedi (+0,3%) sono in crescita.
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni rimane positiva (+0,8%) e diffusa a tutti i raggruppamenti di prodotti, con l’eccezione dei beni strumentali (-3,6%). L’energia (+5,5%), i prodotti intermedi (+3,5%) e i beni di consumo non durevoli (+3,3%) contribuiscono in misura maggiore alla crescita delle esportazioni. Le importazioni sono pressoché stazionarie (+0,1%): i beni di consumo durevoli (+2,7%) e l’energia (+2,1%) registrano tassi positivi, mentre i prodotti intermedi e i beni strumentali sono in flessione (-2,2% per entrambi).
Su base annua le esportazioni presentano un lieve aumento (+0,3%), che coinvolge tutti i principali comparti ad eccezione dei beni strumentali (-2,5%). La marcata flessione delle importazioni (-7,6%) riguarda tutti i principali comparti; soltanto l’energia presenta una variazione tendenziale positiva (+5,0%).
A settembre 2012 la bilancia commerciale registra un disavanzo di 596 milioni di euro, in miglioramento rispetto a settembre 2011 (-1.832 milioni). Nello stesso mese, l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici migliora, passando da 3.038 a 4.518 milioni.
Rispetto a settembre 2011, i mercati più dinamici all’export sono: paesi ASEAN (+22,9%), Stati Uniti (+18,5%), OPEC (+13,1%), Turchia (+7,2%) e Giappone (6,2%). In marcata flessione sono le vendite verso Cina (-18,9%) e MERCOSUR (-13,9%).
Gli acquisti di beni da OPEC (+19,1%) e Russia (+10,3%) crescono, mentre per gli altri principali partner commerciali si registra una netta diminuzione. Si legge in una nota diffusa da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Partito democratico, Nicola Zingaretti annuncia dimissioni da segretario

«Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ema avvia sperimentazione Sputnik V

L’Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V. Lo comunica la stessa Ema, specificando che a presentare domanda per l’UE è stata la…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia