Crisi economica, Napolitano: “L’Italia non chiederà aiuti all’Ue. Le banche sono solide” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Napolitano: “L’Italia non chiederà aiuti all’Ue. Le banche sono solide”

Al termine del colloquio con il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, il presidente Napolitano in una conferenza stampa ha dichiarato: “Fino ad ora l’Italia non ha ricevuto un solo euro dall’Europa e non è prevedibile, nè all’ordine del giorno, nessuna richiesta di aiuti. Finora il nostro paese ha dato un contributo importante per gli aiuti e non ha avuto un euro. Stiamo facendo la nostra parte e siamo intenzionati a farla ancora: sono state adottate scelte severe e sacrifici che erano necessari per un cambiamento rispetto a una fase precedente dove si era accumulato troppo debito pubblica”.
Sulla possibile richiesta di aiuti da parte dell’Italia secondo il presidente della Repubblica si tratta di “una preoccupazione infondata, soprattutto perché le banche italiane sono solide, sane, hanno dimostrato di reggere alla crisi più di altri paesi e non solo del sud dell’Europa. Questo vuol dire che c’è stata una severa vigilanza della Banca d’Italia e che non c’è stata bolla speculativa”.
Parlando della legge elettorale Napolitano ha detto: “La soluzione di un governo stabile è il risultato di scelte e accordi politici. Anche la migliore legge elettorale non può garantire automaticamente un governo stabile. Mi auguro solo che gli italiani diano prova della necessità di un governo stabile quando si voterà ad aprile e che tengano conto dell’esperienza del governo Monti.
I giornalisti hanno poi virato sulle inchieste in corso su Finmeccanica e il presidente di risposta ha detto: “Se saranno confermate deviazioni dallo sviluppo dei procedimenti giudiziari in corso saranno sanzionati. Si tratta di indagini in corso e non posso esprimere un giudizio sulla loro possibile conclusione. Le ipotesi di reato riguardano vicende relative ad accordi commerciali con l’India e col Brasile. Se violazioni di legge ci sono state in Italia e in questi grandi paesi nostri amici, saranno punite perchè è interesse comune ristabilire la verità”.

 

Scrivi una replica

News

È morto l’ex segretario generale della Uil, Pietro Larizza

Il segretario generale della Uil dal 1992 al 2000, Pietro Larizza, è morto all’età di 85 anni. Lo ha reso noto il sindacato attraverso una…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, due nuove accuse contro San Suu Kyi

Violazione delle legge sulla comunicazione e incitamento al disordine pubblico. Queste sono le due nuove accuse rivolte alla leader birmana deposta dal colpo di stato…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’Iran respinge le accuse di Israele su attacco nave

L’Iran nega e dunque respinge l’accusa da parte di Israele di aver attacco la nave di proprietà isreaeliana Helios Ray nel golfo dell’Oman la scorsa…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fukushima, completata la rimozione del combustibile nucleare

La Tepco, l’operatore della centrale di Fukushima, ha reso noto di aver completato la rimozione delle barre combustibile nucleare dalle vasche di contenimento del reattore…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia