“Il giornalismo si fa per il giornalismo, e per nessun’altra cosa” | T-Mag | il magazine di Tecnè

“Il giornalismo si fa per il giornalismo, e per nessun’altra cosa”

di Mirko Spadoni

Intendiamoci, non vogliamo insegnare il mestiere a nessuno. Anche noi, nel nostro piccolo e come redazione, non siamo esenti da errori, sviste e quant’altro.
Queste poche righe vogliono rappresentare solo una riflessione, che parte dal caso della notizia che non era notizia, quella della ragazza nera “bruciata viva” dal Ku Klux Klan ma che in realtà si era data fuoco da sola.
Ecco, questo episodio mette in luce alcuni aspetti di un certo modo di fare giornalismo. Quel rincorrere la notizia a tutti i costi con il solo scopo di creare il caso. Quell’aver per forza anche noi l’articoletto su un fatto o fattarello, senza aver la premura di verificarne l’effettiva notiziabilità.
Tutto ciò con un solo obiettivo: attirare più lettori, accaparrarsi quanti più clic possibili.
Nelle righe che seguono, leggerete un virgolettato. Le parole non sono nostre, ma le condividiamo e la loro paternità la sveleremo solo alla fine.
“Se qualcuno di voi vorrà fare questo mestiere sfuggite alla tentazione dello scoop! Ricordate che esso è la scorciatoia dei somari. Consente di arrivare prima, ma male. Il pubblico è uno strano animale, sembra uno che capisce poco ma si ricorda, e se vi giocate la sua fiducia siete perduti. Questa fiducia bisogna conquistarsela seriamente e faticosamente, giorno per giorno. Questo non ci mette al riparo dall’errore, ma impone l’obbligo di denunziare noi stessi, quando ci accorgiamo dell’errore, e di chiedere scusa al lettore. Se volete fare questo mestiere, ricordatevelo bene […]. La cosa fondamentale di un giornale è la cosiddetta audience. L’audience procura pubblicità, perché un giornale non deve solo vivere, ma deve anche produrre soldi, soprattutto se vuole essere indipendente. Un giornale che deve chiedere soldi a qualcuno è per forza di cose suo servo […]. E’ l’audience nelle sue forme più volgari che ci obbliga a involgarire il giornale, che per stampare deve battere questa strada. Questa strada però non ci conduce a niente. Noi avremo un giornalismo sempre peggiore perché sempre più in cerca di audience, sempre più in cerca di pubblicità e quindi sempre più portato ad assecondare i peggiori gusti del pubblico, invece di correggerli. Intendiamoci, il pubblico è sempre il nostro padrone, non si può prenderlo di petto, ma lo si deve educare. Senza mostrarlo però, perché non c’è niente di peggio degli atteggiamenti da mentori […]. Questo è l’impegno che dovete assolvere. Per farlo non c’è sofferenza che ve ne possa sconsigliare e questo mestiere è bellissimo. Non conduce a niente ma è bellissimo. Il giornalismo si fa per il giornalismo, e per nessun’altra cosa”.
Queste sono parole di Indro Montanelli, raccolte nel corso della sua ultima lezione di giornalismo tenuta all’Università di Torino. Era il 12 maggio del 1997.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Biden proroga lo stato di emergenza negli Usa

«La pandemia di Covid-19 continua a rappresentare un rischio significativo per la salute pubblica e la sicurezza della nazione. È essenziale continuare a combattere e…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo 112,5 milioni di casi

Sono saliti a 112.553.181 i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo, (+443.427 rispetto a ieri). I morti invece, hanno raggiunto quota 2.487.406 (+11.972…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Francia: «Tampone molecolare anche per i transfrontalieri»

«La deroga dall’obbligo di presentare un tampone molecolare effettuato non più di 72 ore prima dell’ingresso sul territorio nazionale sarà limitata alle sole attività professionali.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina i casi sono aumentati del 40% nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore i casi di coronavirus in Ucraina sono cresciuti del 40%, facendo registrare più di 8mila nuovi casi.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia