I riflettori del mondo su Pechino | T-Mag | il magazine di Tecnè

I riflettori del mondo su Pechino

Dopo le presidenziali statunitensi, le attenzioni delle potenze occidentali ora sono rivolte al Congresso del Pcc. Intervista al professor Guido Samarani
di Mirko Spadoni

Funziona in questo modo, la Repubblica popolare cinese. Con gli alti dirigenti del Partito comunista che decidono tutto per tutti e si servono di un Congresso per ufficializzare quanto già stabilito in precedenza. Sarà così anche quest’anno, con il popolo che resta a guardare mentre i 2.300 delegati del partito si riuniscono a Pechino per il diciottesimo Congresso della storia, che inizierà giovedì per concludersi con molta probabilità il 14 novembre.
Alla fine, il potere in Cina avrà dei nomi e dei volti diversi: la procedura prevede infatti che il Congresso, una volta riunitosi, elegga i 198 membri del Comitato Centrale, una struttura piuttosto articolata in quanto è composto da svariati dipartimenti funzionali, uffici di ricerca, commissioni, uffici di ricerca, dalla scuola di partito e dagli archivi centrali oltre che da cinque organi: il Comitato Permanente dell’Ufficio politico, il Segretariato, la Commissione Militare Centrale, il Politburo e il segretario generale. Questi ultimi due vengono scelti, almeno sulla carta, dal Comitato Centrale stesso.
In particolare, l’Ufficio politico, il Politburo, è un’organismo deputato alla supervisione e al controllo del partito.
Ma ancor più importante è l’elezione dei membri del Comitato permanente dell’Ufficio politico, il vero cuore del potere in Cina, il cui numero dei componenti, che dal 2002 è salito a nove, verrà con molta probabilità ridotto a sette. Come da tradizione.
Sono molte le indiscrezioni, ma poche le certezze, che accompagnano questo Congresso. Di certo vi è solo, il passaggio di consegne dal presidente Hu Jintao e il premier Wen Jiabao ai loro successori, che con molta probabilità saranno l’attuale vicepresidente della Repubblica popolare, Xi Jinping, e l’attuale vicepremier, Li Keqiang.
Non ci saranno votazioni. Il popolo non verrà chiamato alle urne. Leggendo le disposizioni di sicurezza imposte dal partito, Pechino verrà stretta sotto un controllo ancora più asfissiante. Mentre i dissidenti, 130 secondo le stime di Amnesty International, sono stati costretti ad abbandonare le proprie abitazioni.
Perché è sempre andata così in questa porzione d’Asia, dove i comunisti sono al comando dal 1949. Con generazioni di politici cresciuti in seno al partito che si succedono. Siamo nel 2012 e ora tocca alla quinta generazione gestire la Repubblica in uno dei momenti più delicati della sua storia. Tuttavia, come spiega a T-Mag, Guido Samarani, professore di Storia della Cina e Storia e Istituzioni dell’Asia Orientale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, “il Partito comunista cinese ha sicuramente migliorato e rafforzato le proprie capacità di governo e di gestione della complessità dei problemi cui la Cina è di fronte; dall’altra, ritengo che si sia indebolita rispetto al passato la sua capacità di lavoro politico e sociale soprattutto tra gli strati che costituivano la base storica del partito, ossia contadini ed operai”.
Il partito sembra, quindi, avere la forza per continuare a gestire, controllare una delle nazioni più grandi e una delle economie più forti del pianeta. Anche in un momento delicato come questo, con il Pil cinese che nel terzo trimestre dell’anno è cresciuto del 7,4% rispetto allo stesso periodo del 2011. Un dato preoccupante per gli standard cinesi, visto che si tratta del dato più basso dal primo trimestre del 2009.
“Penso che la politica economica seguirà da una parte le linee generali tracciate negli ultimi anni”, sostiene Samarani. “Varie dichiarazioni di leader cinesi e di responsabili economici e finanziari del partito e del governo negli ultimi mesi hanno sottolineato come il paese dovrà molto probabilmente fare i conti in futuro con un rallentamento della crescita e dovrà quindi in qualche modo anche ridisegnare una serie di priorità passate. Tali dichiarazioni hanno inoltre messo in evidenza come sarà impensabile in futuro un massiccio sostegno statale alla crescita economica come verificatosi negli ultimissimi anni, in collegamento con la crisi finanziaria globale”.
Strategie economiche, quelle del gigante asiatico, che hanno un peso rilevante sull’economia mondiale e giustificano quindi le attenzioni del resto del pianeta su quanto decideranno i futuri leader cinesi. L’attenzione dedicata anche nel corso della campagna elettorale per le presidenziali dai due candidati, Romney e Obama, ne è un’ulteriore riprova.
Ma anche Pechino avrà seguito con attenzione cosa è accaduto negli States. “Probabilmente – sostiene Samarani – per la Cina la riconferma di Obama è la soluzione migliore, in quanto avrebbero di fronte qualcuno che già conoscono e con quale hanno a più riprese discusso e cercato di affrontare i tanti problemi che sono di fronte ai due Paesi”.
E così il “Paese reale” non potrà vedere cosa accadrà, né cosa si diranno i dirigenti del partito durante il Congresso. Potrà solo attendere. In silenzio.

 

1 Commento per “I riflettori del mondo su Pechino”

  1. […] è chiuso il diciottesimo Congresso del partito comunista cinese. Secondo l’agenzia di stampa Xinhua ha annunciato che, come previsto, saranno Xi Jinping e Li […]

Scrivi una replica

News

Istat: «A settembre migliora il clima di fiducia di consumatori e imprese»

«A settembre 2020 migliorano sia il clima di fiducia dei consumatori (da 101,0 a 103,4) sia quello delle imprese (l’indice composito sale da 81,4 a…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo i contagi registrati hanno raggiunto i 32,2 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 32.255.574 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il carnevale di Rio de Janeiro è stato rinviato a tempo indeterminato

L’edizione 2021 del carnevale di Rio de Janeiro è stata rinviata, a causa della pandemia. Previsto per febbraio, l’evento è stato rinviato a tempo indeterminato. «L’evento…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Oms: «L’Italia ha reagito con forza, ribaltando la traiettoria dell’epidemia»

«L’Italia è stato il primo Paese occidentale ad essere stato pesantemente colpito dal Covid-19». Lo ha ricordato l’OMS, l’Organizzazione mondiale della Sanità, elogiando, in un…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia