Corruzione, per l’Italia va sempre peggio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Corruzione, per l’Italia va sempre peggio

L’ultima volta non era andata benissimo: nella classifica della corruzione percepita, stilata come ogni anno da Trasparency international, l’Italia si era classificata 69esima. Quest’anno è andata peggio, il Belpaese perde infatti tre posizioni, piazzandosi al 72esimo posto.
La classifica, è bene sottolinearlo, non si basa sulla corruzione effettiva, ma su quella percepita. Trasparency international prende in considerazione la stima che l’opinione pubblica ha riguardo il grado di corruzione delle pubbliche amministrazioni del proprio Paese.
La graduatoria va dalla nazione meno corrotta a quella dove il fenomeno in questione viene percepito come dilagante. Ad ogni Paese viene assegnato un punteggio. I Paesi più “puliti” ottengono più punti, quelli corrotti meno. Il punteggio più elevato è cento, il più basso zero.
Detto questo, il risultato conseguito dall’Italia non è per niente confortante. Nonostante l’approvazione da parte del governo del decreto contro la corruzione, il nostro Paese si è classificato 72esimo su 174, con un punteggio di 42 su 100.
Hanno fatto meglio di noi tutti i paesi occidentali e oceanici. Ai primi posti di questa speciale classifica troviamo Nuova Zelanda, Danimarca e Finlandia, tutti e tre primi a pari merito con 90 punti.
Scende di una sola posizione il Regno Unito. Migliora, invece, la situazione per gli Stati Uniti, che salgono di cinque posizioni al 18esimo gradino, e la Russia. Ultimi a pari merito troviamo Afghanistan, Corea del Nord e Somalia che occupano la 174esima con soli 8 punti.
Da parte sua, l’Italia è a pari merito con la Bosnia e con le isole di Sao Tome e Principe, arcipelago nel golfo di Guinea.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia