Istat, tra 2009 e 2010 forte calo nella nascita di imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, tra 2009 e 2010 forte calo nella nascita di imprese

“Sono quasi 133 mila le imprese con dipendenti nate nel 2010. Circa mille e settecento in meno rispetto all’anno precedente, cui corrisponde un tasso di natalità del 9,5% (-0,1 punti percentuali rispetto al 2009).
Il calo della natalità si è verificato soprattutto nei settori delle Costruzioni (-0,2 punti percentuali) e degli Altri Servizi (-0,3). Al contrario il settore dell’Industria fa registrare un aumento di 0,5 punti percentuali. Sono le regioni del Sud, insieme al Lazio, a presentare tassi di natalità superiori alle altre regioni (oltre il 10%), pur alla presenza di una riduzione dello 0,2% rispetto al 2009.
Anche la mortalità delle imprese con dipendenti risulta in calo rispetto al 2009 (-0,4 punti percentuali) ed ha interessato soprattutto il settore delle Costruzioni (-2,1 punti percentuali)e le regioni del Centro (-0,5 punti percentuali), tra le quali spicca l’Abruzzo (-0,8%).
Nel 2010 la dinamica demografica delle imprese, ovvero la differenza tra le imprese nate e quelle cessate, mostra un modesto bilancio positivo, pari allo 0,1%.
Le imprese individuali costituiscono il 48% delle nuove imprese. Il 71% è guidato da imprenditori maschi, il restante 29% da imprenditrici. Le donne guidano soprattutto imprese del Commercio (quasi il 40%) e degli Altri Servizi (oltre il 33%).
Nel 2010 la percentuale di nuove imprese nate nel settore dell’Industria in senso stretto è la più bassa (4,6%).
Nelle Costruzioni, a fronte di un tasso di sopravvivenza relativamente più basso di quelle dell’Industria, si ha però una percentuale più elevata (7,7%) d’imprese giovani.
Le imprese che sopravvivono, a distanza di tre anni dalla nascita, registrano un aumento della dimensione media (da 2,9 addetti nel 2007 a 4,5 nel 2010). Tra il 2009 e il 2010 si evidenzia un rallentamento di questa crescita (-0,2%), soprattutto nei settori dell’Industria, delle Costruzioni e degli Altri Servizi.
Gli effetti della crisi sono evidenti per le imprese cosiddette “high-growth”, la cui quota, sul complesso delle imprese, ha subito una riduzione di circa 1000 unità nel 2010 (-0,8%).
Nell’Industria in senso stretto si registra la percentuale più bassa d’imprese “high-growth” per tutti gli anni considerati (diminuita dal 2,1 del 2009 all’1,6 del 2010), mentre in quello degli Altri servizi quella più elevata (diminuita dal 5,5 al 4,4%).
Il Sud e le Isole detengono, nel complesso, la percentuale più alta di imprese “high-growth” (4,1%). Il Nord-est e il Nord-ovest presentano i tassi di
high-growth più bassi, inferiori alla media nazionale.
In termini di addetti delle imprese “high-growth”, la crescita più elevata si ha nei settori dei Servizi di informazione e comunicazione (68,2%) e di Alloggio e ristorazione (61,6%)”, lo riporta Istat in un comunicato stampa.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia